Santa Severa: ultraleggero si schianta sulla spiaggia,sfiorata tragedia

Tanta paura a Santa Severa, l’unica frazione del comune di Santa Marinella in provincia di Roma. Nel pomeriggio di ieri proprio in questa località, rinomata per essere una località turistica sul mare, un ultraleggero per cause ancora da accertare si è praticamente scagliato contro la spiaggia proprio nei pressi del castello.

Si è sfiorata una vera tragedia visto che sulla spiaggia erano presenti tanti bagnanti, ma il caso ha voluto che in quel preciso momento e in quel preciso luogo non vi fosse nessuno. All’interno dell’ultraleggero erano presenti due persone, le quali sono rimaste ferite anche se per fortuna in maniera non grave e ricoverati in codice giallo.Stando a quanto emerso, il pilota avrebbe effettuato diversi voli a bassa quota proprio davanti la spiaggia che nella giornata di ieri era particolarmente affollata, spaventando così i bagnanti; poi a quanto pare a causa di una manovra sbagliata o di un’avaria del motore, l’ultraleggero si è praticamente scagliato contro la sabbia.

Come già anticipato le cause di questo incidente sono ancora da accertare. Una volta precipitato il velivolo, i bagnanti sono accorsi per tentare di soccorrere le persone presenti all’interno, anche se in tanti hanno gridato contro il pilota rimproverandogli di essersi avvicinato troppo alla riva, mettendo paura in molti di loro. “L’ultraleggero stava facendo il giro del castello quando è passato radente sugli ombrelloni e poi sull’acqua. Stava per risalire ma un’onda gli ha bloccato un’ala facendolo cadere. Poi i bagnanti sono andati a recuperarlo e lo hanno portato a riva. Il pilota sembrava sotto choc”, ha raccontato una giovane bagnante.

 «Non sappiamo ancora cosa sia effettivamente successo all’aereo, se avesse dei problemi, ma era da un pò che passava sopra le nostre teste. Abbiamo avuto paura che ci cadesse addosso. Qui erano tutti infuriati, tanto che, non pensando che pilota e passeggero fossero feriti, non volevano nemmeno spostare gli ombrelloni per far posto all’aereo portato sulla spiaggia. Questa è sicuramente una domenica che ricorderemo», questo invece il racconto di un altro bagnante, un giovane di nome Federico. 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.