Sclerosi multipla,aumenta il rischio quando il corpo non ha sufficiente vitamina D

Confermato il legame tra bassi livelli di vitamina D e un più alto rischio di contrarre la sclerosi multipla. La conferma arriva da uno studio genetico pubblicato su Plos Medicine, e firmato dal team di Brent Richards della canadese Mcgill University.Lo studio in questione rappresenta davvero un grosso passo in avanti, nonostante già in passato altre ricerche avevano trovato un’associazione tra i livelli di vitamina D e la sclerosi multipla.

Per chi non lo sapesse, si tratta di una malattia autoimmune cronica demielinizzante, che colpisce il sistema nervoso centrale causando un ampio spettro di segni e sintomi.La sclerosi multipla colpisce le cellule nervose rendendo difficoltosa la comunicazione tra il cervello ed il midollo spinale.Fino ad oggi nessuno studio era riuscito a dimostrare un nesso di causalità tra i bassi livelli di vitamina D e la malattia, limitandosi a rilevare la carenza della vitamina nei malati di sclerosi multipla.Il team di Brent Richards, ha effettuato uno studio sul campo condotto su un campione di 14.498 persone per 24.091 controlli rivelando che le persone con livelli geneticamente bassi di vitamina D hanno un rischio doppio di vedersi diagnosticata la sclerosi multipla.

“I risultati mostrano che se un bambino è nato con geni associati con una carenza di vitamina D ha il doppio del rischio di sviluppare da adulto la sclerosi multipla. Questo potrebbe essere perché la carenza di vitamina D causa la sclerosi multipla oppure perché ci sono altre complesse interazioni genetiche”, ha dichiarato Benjamin Jacobs del servizio infantile del Royal National Orthopedic Hospital di Londra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.