Sicilia: ex socio blocca il sistema informatico dei servizi sanitari, regione in tilt

1

Nella giornata di ieri si è verificata una paralisi informatica alla regione siciliana, e non è la prima volta. Il motivo? La causa della parabili sarebbe l’interruzione del collegamento con i server di Sicilia e servizi che ha provocato il blocco di tutti i servizi, a partire da quelli sanitari.Un duro stop hanno subito anche gli sportelli dell’Azienda sanitaria provinciale. Per diverse ore la pubblica amministrazione regionale è andata in tilt, a partire dalla posta elettronica ai sistemi che gestiscono i Centri unici di prenotazione delle Asp e persino una parte di quelli che sostengono le operazioni del 118.

Il blocco è stato voluto dall’ex socio privato di Sicilia, il quale ha motivato la sua decisione, ovvero a causa del mancato pagamento del fornitore da parte della Regione per un ammontare di circa 100 milioni di euro, provocando parecchi disagi a molti servizi ai cittadini.

«Per cause indipendenti dalla volontà dell’Asp sono bloccati gli sportelli dell’azienda. A causa dell’interruzione del collegamento con i server di Sicilia e-servizi oggi non si garantiscono le attività di prenotazione visite specialistiche, scelta e revoca del medico di famiglia e del pediatra (anagrafe assistiti), riscossione ticket ed esenzione ticket per patologia ed invalidità», viene spiegato dal management.

“Una situazione disastrosa. Stiamo cercando di capire come risolvere una questione a dir poco paradossale non si può staccare la spina a servizi informatici importantissimi che mettono a rischio anche la salute delle persone. Sono veramente indignato”, ha dichiarato l’amministratore unico di Sicilia e servizi dell’azienda Engineering.

1 COMMENT

  1. Stupido anche l’amministratore di Sicilia e-servizi. Ma li prendono tutti incapaci gli amministratori? Come può aver fatto crescere un debito simile? Dovrebbe andare in galera per aver sprecato soldi e aver causato l’interruzione di un servizio pubblico.

Rispondi o Commenta