Smog, sindaci e governatori convocati dal ministro Galletti: emergenza nei grandi centri urbani

Continua l’emergenza smog nelle grandi città italiane a causa dell’assenza di vento e di pioggia, ed anche a causa delle temperature che sono sopra la media stagionale. Città come Milano e Roma, tra blocchi totali e targhe alterne, stanno cercando di fronteggiare alla meglio l’emergenza polveri sottili, ma forse si rendono necessari provvedimenti e misure coordinate e strutturali.

E così per mercoledì prossimo, 30 dicembre del 2015, il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha convocato una riunione di coordinamento alla quale sono invitati a partecipare i sindaci ed i governatori attualmente impegnati nella gestione dell’emergenza smog. Alla riunione di coordinamento, inoltre, sarà presente pure Fabrizio Curcio, il Capo della Protezione Civile.

In vista della riunione, intanto, il ministero sta valutando di stanziare nuove risorse grazie alle quali permettere di finanziare l’acquisto di mezzi pubblici ecologici. Il clima anomalo, tra l’altro, sta generando anomalie anche a livello ambientale causate dalla siccità. E così ci si trova davanti alle fioriture anticipate ed al fiume Po che si presenta in secca come se fossimo nella stagione estiva.

E se per oggi e domani a Roma sono previste le targhe alterne, a Milano c’è il blocco del traffico dal 28 al 30 dicembre del 2015 dopo che per ben 97 giorni nel 2015 è stato superato il livello di attenzione per quel che riguarda il Pm10. L’Amministrazione comunale per ridurre i disagi ha contestualmente prorogato gli incentivi sui mezzi pubblici potendo prendere a Milano il bus, il tram e la metro con il biglietto di corsa semplice da 1,50 euro valido per l’intera giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.