Spagna, 58enne malato di mente segregato per anni dai fratelli: gli soffiavano la pensione

Una scena davvero incredibile è stata quella che alcuni agenti della polizia di Dos Hermanas, il più grande comune della provincia di Siviglia dopo il capoluogo, si sono trovati davanti. Nello specifico, alcuni giorni fa, la Polizia del luogo ha ricevuto una soffiata anonima che segnalava la presenza di un ubriaco che infastidiva i clienti di un bar. In seguito a tale soffiata gli agenti hanno pensato bene di intervenire riaccompagnando a casa l’uomo ubriaco.

Una volta all’interno dell’appartamento, i due agenti hanno notato una porta chiusa con una catena e incuriositi hanno chiesto cosa vi fosse dietro la porta. A questo punto, la sorella dell’uomo riaccompagnato a casa dagli agenti, avrebbe detto di tenervi il fratello minore con gravi disabilità mentali di cui la stessa si prendeva perfettamente cura stando ben attenta alle sue necessità e al suo igiene. Gli agenti incuriositi dalle parole della donna e dalla catena nella porta hanno però deciso di voler constatare, di persona, quanto detto dalla donna sessantunenne che viveva al piano di sopra insieme al fratello 76enne.

Appena entrati nella cantina, gli agenti della Polizia si sono trovati davanti ad una scena impressionante in quanto l’uomo 58enne, letteralmente ridotto pelle e ossa, si trovava al buio e sporco, nudo su un materasso, senza acqua e servizi igienici ma costretto a fare i suoi bisogni in una bottiglia di plastica. Colpito anni fa da alcuni problemi a livello mentale, l’uomo è stato segregato dai fratelli per 20 lunghi anni e nello specifico, l’ultima volta aveva visto la luce del sole risaliva al lontano 1996.

Adesso i due fratelli che per 20 anni lo hanno tenuto segregato per soffiargli la pensione di 1000 euro sono stati arrestati mentre il 58enne segregato per molto tempo è stato trasportato in ospedale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.