Spara alla moglie e poi si suicida, rendi i figli di 15 ed 11 anni orfani

0

Una vera tragedia quella avvenuta a Squinzano, dove un uomo ha atteso in strada a bordo della sua Peugeot che la moglie dalla quale si era separato pochi mesi fa, uscisse da casa per effettuare il colpo.L’uomo, dunque, avrebbe atteso la moglie per poi avvicinarla e spararle un colpo alla testa, per poi rivolgere la stessa pistola alla sua tempia ed uccidersi. La vittima si chiamava Maria Paola Marzo, 41 anni, una parrucchiera che aveva lavorato a casa di alcuni clienti, morta in pochissimi secondo senza nemmeno rendersi conto di ciò che stava accadendo; il killer invece, ovvero il marito, si chiamava Sergio Pagano, un uomo di 45 anni operaio con problemi di lavoro, il quale ha deciso di uccidere la moglie e di riservare per se stesso lo stesso trattamento.

Sergio Pagano, non sarebbe morto sul colpo, ma in serata nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Vito Fazzi dove era stato ricoverato in condizioni piuttosto critiche. I due si erano separati da parecchi mesi, molto probabilmente a causa dei problemi economici, derivati dal fatto che Sergio Pagano non lavorasse costantemente.

L’uomo era andato via da casa,mentre la donna era rimasta a casa insieme ai due figli di 15 ed 11 anni; stando al racconto di alcuni testimoni,l’uomo spesso si ritrovava a fare dei giri intorno alla casa, proprio come ieri quando salito a bordo della sua auto ha portato con se una pistola calibro 9 corto regolarmente detenuta per uso sportivo, consapevole di voler uccidere la moglie. I figli, adesso, purtroppo sono rimasti orfani.

Rispondi o Commenta