Strage di Parigi: mandato d’arresto internazionale per Mohamed Abrini, complice di Salah Abdeslam

Si è aggiunto nella giornata di ieri un super ricercato per gli attentati di Parigi, collegato all’introvabile Salah Abdeslam. Si tratta di Mohamed Abrini, per il quale è stato emesso un mandato di cattura internazionale. Sarebbero state le telecamere di una stazione di rifornimento di benzina a Ressons, sull’autostrada che conduce a Parigi ad incastrare il giovane trentennne Mohamed Abrini, che sarebbe stato filmato in compagnia proprio di Abdeslam nella Renault Clio utilizzata per gli attentati terroristici di Parigi dello scorso venerdì 13 novembre.

La procura generale belga ieri ha diffuso un comunicato in inglese, nel quale si legge:”Due giorni prima degli attacchi, l’11 novembre verso le ore 19, Salah Abdeslam è stato ripreso a una stazione di gas a Ressons, assieme a una persona identificata come Mohamed Abrini, nato il 27 dicembre 1984″.Nella nota si sottolinea anche il fatto che l‘uomo è ricercato dalla polizia belga e da quella francese ed ancora che Abrini è pericoloso e probabilmente armato.

“Gli autori degli attentati hanno usato tre veicoli con targhe di immatricolazione belghe (una Polo, una Seat Leon e la Renaut Clio) noleggiate assieme al fratello Brahim (morto negli attentati). Salah Andeslam è stato controllato a Cambrai qualche ora dopo le stragi, sull’autostrada, direzione Bruxelles.

“Era a bordo di una VW Golf in compagnia di altre due persone”, aggiunge la Procura.Intanto fino ad oggi sono cinque le persone formalmente accusate in Belgio per gli attacchi parigini: Amri, Attou, Ali O. e Lazez A., un 39enne marocchino, residente a Molenbeek.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.