Strage San Bernardino, Barack Obama risponde all’Isis: ‘Non ci lasceremo terrorizzare’

Non ci lasceremo terrorizzare‘. E’ stata questa la risposta all’Isis da parte del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama dopo che per la strage di San Bernardino, considerando anche la rivendicazione da parte dell’auto-proclamato Stato Islamico, prende sempre più piede l’ipotesi che si sia trattato in tutto e per tutto di un attentato terroristico.

‘Le loro morti sono una tragedia per tutto il Paese‘, ha aggiunto il Presidente Obama nel ricordare le 14 vittime ed i 21 feriti presso il centro per disabili ad opera di una coppia che, nel compiere la strage, si è probabilmente ispirata proprio all’Isis. Da parte dello Stato Islamico, infatti, i due attentatori sono stati definiti come ‘due soldati del Califfato‘.

‘È possibile che i due attentatori siano stati radicalizzati per compiere questo atto di terrore’, ha aggiunto il Presidente Usa precisando che, ‘se così fosse, metterebbe in evidenza una minaccia sulla quale siamo concentrati da anni e cioè il rischio di persone che soccombano a violente ideologie estremiste‘.

Il Presidente Barack Obama ha poi posto l’attenzione sulla facilità con cui negli Stati Uniti è possibile entrare in possesso di un’arma. ‘Chi è inserito nella no-fly list può entrare in un negozio e acquistare un’arma’, ha fatto presente ricordando che ‘questo è folle’ e che di conseguenza ‘invito il Congresso a rivedere la legge’. Una legge da rivedere anche a seguito della strage al centro disabili di San Bernardino visto che ‘i killer hanno usato fucili d’assalto in stile militare per uccidere quante più persone possibili‘.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.