Strage San Bernardino, il killer legato agli estremisti islamici “Aveva giurato fedeltà all’Isis”

0

Si continua ad indagare sulle Strade di San Bernardino avvenuta nei giorni scorsi in un centro per disabili che ha provocato la morte ed il ferimento di diverse persone. Anche il Presidente Obama da giorni ripete “Non sappiamo ancora il perché di questo evento terribile”.Ecco che però, dopo vari giorni di ipotesi, nella giornata di ieri è arrivata la certezza, ovvero si è trattato di un vero e proprio attentato terroristico rivendicato dall’Isis.

“Ci saranno molti colloqui  dobbiamo capire la natura del rapporto tra l’autore dell’attacco e i suoi superiori al lavoro. Dobbiamo aver maggiori dettagli. Resteremo con gli occhi aperti, raccoglieremo prima i fatti poi tireremo le conclusioni”, ha dichiarato il Presidente Obama, che sin dal primo momento ha sperato non si trattasse di un attentato terroristico.

I responsabili della strage, sono stati uccidi ed identificati; si tratta di un uomo e di una donna,ovvero Syed Rizwan Farook di 28 anni musulmano di origine araba e Tashfeen Malik di 27 anni, morti entrambi nello scontro a fuoco avvenuto con gli agenti di polizia in seguito alla strage, dove ricordiamo morirono 14 persone e 25 rimasero ferite.

Stando a quanto emerso dalle indagini, l’uomo e la donna erano legati alla cellula dell’Isis; stando a quanto dichiarato dalla Cnn nella giornata di ieri, che cita funzionari Usa, Tashfeen Malik, la donna della coppia che ha aperto il fuoco, aveva scritto un post su Facebook in cui giurava fedeltà al leader dell’Isis, Abu Bakr al-Baghdadi.Farook e Malik sono stati uccisi a bordo di un Suv con il quale erano scappati dall’Inland Regional Center.

Rispondi o Commenta