Succo d’arancia, migliora le funzioni cerebrali degli over 65

0

Cosa esiste di più salutare di un bel bicchierone di succo d’arancia? Stando ad alcune ricerche, sembra che bere un bel bicchiere di succo d’arancia possa migliorare le capacità cerebrali delle persone anziani. Nello specifico a stabilirlo è stato un piccolo studio condotto su 37 adulti con un’età media di 67 anni che praticamente per un periodo superiore alle 8 settimane hanno consumato mezzo litro di succo d’arancia al giorno.

Gli anziani sono stati sottoposti ad 8 diversi test che hanno permesso di poter valutare la memoria, oltre che i tempi di reazione ed anche la fluidità verbale.

“Migliorare dell’8% le proprie capacità mentali equivale, ad esempio, a ricordare un parola in più rispetto a quelle che di solito tornano in mente da una lista della spesa di 15 elementi. Questi piccoli miglioramenti spalmati per un periodo di otto settimane potrebbero tradursi in sostanziali progressi per tutta la durata della vita. Grazie alla concentrazione di vitamine e zuccheri la bevanda potrebbe svolgere un ruolo importante nel fornire i nutrienti necessari a mantenere in salute il cervello”, spiegano i ricercatori sul Telegraph. Tali miglioramenti sono dovuti all’alta concentrazione di vitamine e zuccheri contenuti all’interno del succo d’arancia che potrebbe dunque avere un ruolo importante nel fornire nutrienti necessari a mantenere in salute il cervello. Lo studio in questione, dunque, risulta molto importante perchè è uno dei primi che dimostra come consumare quotidianamente flavanoidi tramite il succo dell’arancio possa avere un effetto positivo sulla cognizione degli anziani. “Piccole e facilmente amministrabili variazioni, come mangiare più frutta e verdura ricche di flavonoidi, hanno il potenziale di portare benefici sostanziali alla salute del cervello“, hanno dichiarato i ricercatori.

Rispondi o Commenta