Taglia orecchie al pitbull con le forbici di casa: denuncia per maltrattamento a Pistoia

L’Enpa, Ente Nazionale Protezione Animali, ha trovato un cane, di razza pitbull, con i padiglioni auricolari infettati ed in palese stato di sofferenza. E’ successo a Popiglio, Comune in Provincia di Pistoia, con il cane che ora è stato affidato in cura al canile comunale di Pistoia in accordo con quanto è stato disposto dalla Procura.

A mozzare le orecchie al pitbull con le forbici di casa, e senza alcuna cura veterinaria, è stato un 33-enne che, residente proprio nel Comune di Popiglio, è stato denunciato per maltrattamento di animali dopo che era stata proprio l’Enpa a segnalare il caso ai Carabinieri.

I Carabinieri, in presenza dei responsabili dell’Ente Nazionale Protezione Animali addetti alla vigilanza, si sono infatti recati presso l’abitazione del 33-enne, ed hanno effettivamente constatato come il cane avesse le orecchie mozzate in maniera grossolana e come fosse bisognoso di cure urgenti. Il 33-enne ha spiegato d’aver tagliato le orecchie al cane per non fornire agli altri cani ‘appigli’ in caso di aggressione, ma tale giustificazione non è bastata per non far scattare a suo carico, come sopra detto, la denuncia per maltrattamento di animali.

In accordo con quanto riportato da Repubblica.it, il 33-enne di Popiglio in ragione del gesto compiuto nei confronti del povero cane non potrà più riaverlo indietro. Questo perché, come sopra accennato, la Procura di Pistoia ha tempestivamente emesso un decreto di sequestro dell’animale sottraendo il pitbull di colore marrone al legittimo proprietario ed assegnandolo per l’immediato ricovero ed affidamento al canile di Pistoia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.