Tasi e Imu al conto alla rovescia: contribuenti alla cassa con il Fisco entro il 16 dicembre

0

E’ scattato il conto alla rovescia per il pagamento delle tasse sulla casa che sono rappresentate dal saldo Imu e Tasi, il cui termine ultimo è quello del 16 dicembre del 2015. Ne consegue che, per chi non lo avesse ancora fatto, occorre andare sul sito Internet del Comune al fine di prendere nota, ai fini del calcolo delle imposte, delle aliquote fissate ed anche delle regole da rispettare per poter eventualmente fruire delle agevolazioni e delle detrazioni fissate tramite apposita delibera. Oppure in alternativa è possibile collegarsi al sito Internet del Dipartimento delle finanze del Ministero dell’economia.

Chi è proprietario solo di prima casa ad uso residenziale, entro il 16 dicembre del 2015 si presenterà alla cassa con il Fisco sapendo che, in linea con quanto approvato dal Governo, dal 2016 la Tasi non si pagherà più. Per il saldo Imu e Tasi 2015 il modello fiscale da utilizzare per i versamenti è l’F24.

Prima di versare utilizzando il modello di pagamento unificato F24 si raccomanda di valutare sempre attentamente la propria posizione. Per esempio, in caso di immobile dato in comodato d’uso oppure in locazione, la Tasi nella maggioranza dei casi non è a carico interamente del proprietario dell’immobile.

L’inquilino dovrà infatti pagare una quota variabile tra il 10% ed il 30%. Pure in questo caso per conoscere la percentuale precisa occorre collegarsi al sito Internet del Comune. Nel caso in cui però l’immobile sia dato in comodato ai familiari, e sia assimilato a prima casa, allora la Tasi sarà interamente a carico del proprietario dell’immobile.

Rispondi o Commenta