Terrorismo dopo Parigi, monito Cia: ‘Ulteriori attacchi Isis in cantiere, la loro agenda è uccidere’

Cosa dobbiamo aspettarci, per quel che riguarda il rischio terrorismo, dopo la strage di Parigi? Ebbene, in Francia come in tanti Paesi europei l’allerta è massima e non si può fare altrimenti se si prende per buono il monito che ha lanciato la Cia parlando di ‘ulteriori attacchi Isis in cantiere’. Inoltre, riguardo alla strage di Parigi gli Stati Uniti avrebbero avvertito la Francia del pericolo di un possibile attentato, ma in merito il New York Times precisa che l’intelligence non sapeva quando ed in che modo i terroristi avrebbero colpito.

‘La loro agenda è uccidere’, ha dichiarato riferendosi all’Isis John Brennan, il direttore della Cia, nel precisare che gli attacchi da parte dei terroristi vengono pianificati in diversi mesi. Ed ha pure sottolineato un altro fatto grave rappresentato, da parte dei terroristi dello Stato Islamico, dall’uso dei ‘social media per attirare persone sotto il falso marchio della religione‘.

Di conseguenza, secondo il direttore della Cia, serve ora più che mai un coordinamento senza precedenti, nella lotta al terrorismo, da parte della comunità internazionale in quanto i terroristi dell’Isis sono degli ‘assassini sociopatici‘ con una ‘mentalità contorta’.

L’Isis ha sviluppato un’agenda di operazioni esterne che sta attuando con effetti letali‘, ha aggiunto il direttore della Cia John Brennan nel ricordare come ‘gli attacchi a Parigi e l’aereo russo abbattuto in Egitto portino il ‘marchio del terrorismo”. Di riflesso secondo John Brennan l’Europa non può chiudere ermeticamente i propri confini, ma deve comunque compiere ‘necessari ed appropriati passi per controllare i flussi migratori‘.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.