Terrorismo,importanti rivelazioni sulla fuga di Salah “Si è nascosto in un mobile”

E’ ancora caccia a Salah Abdeslam, il terrorista che partecipò alle stragi di Parigi dello scorso 13 novembre scorso e ad oggi il ricercato n.1 in Europa e non solo. Il terrorista, è riuscito a scappare ai blitz della polizia e addirittura a viaggiare e trasferirsi da un posto all’altro senza mai essere bloccato. Nei giorni scorsi è stata diffusa un’indiscrezione, secondo la quale Salah nei giorni dopo gli attentati di Parigi avrebbe potuto trovarsi in una casa sita a Molenbeek, nel quartiere di Bruxelles, ma la polizia non intervenne perchè una legge del luogo impedisce le perquisizioni notturne.

Non si tratta di una bufala, ma di una dichiarazione rilasciata da Koen Geens,ovvero il ministro della Giustizia belga, nel corso di un’intervista condotta dal canale tv Vtm per un programma andato in onda nella giornata di ieri.

Il ministro, nel corso dell’intervista ha anche aggiunto che le forze di sicurezza avrebbero ricevuto delle informazioni piuttosto certe riguardo la permanenza di Salah come ospite all’interno di un’abitazione sita proprio nella zona di Molenbeek-Saint-Jean.

Purtroppo però le forze dell’ordine hanno avuto l’ok per provvedere alla perquisizione soltanto a partire dalle ore 5, e proprio mentre le forze speciali si stavano preparando è arrivato l’ordine di fermarsi perchè il terrorista non si trovava più nell’abitazione. Inoltre, emergono altre importanti e curiose indiscrezioni, secondo le quali il terrorista Salah sarebbe riuscito a non farsi beccare dalla polizia perché sarebbe riuscito a scappare nascondendosi in un mobile oppure all’interno di un’automobile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.