Test di Medicina 2015, registrato netto calo di iscrizione in tutta Italia

0

Registrato un netto calo di iscrizioni per i test di Medicina, che sono letteralmente crollate in tutto il Paese. Sarebbero addirittura 3.548 in meno le iscrizioni rispetto allo scorso anno, una percentuale del 5,6%, ovvero una percentuale non indifferente e se si confrontano con i dati del 2013, arriviamo addirittura al 28% in meno.Passano da 4.954 a 3.918 i candidati al test di Medicina in lingua inglese, mentre in controtendenza quelli per i test di veterinaria che aumentano da 6.940 a 7.818.

I test di medicina sono attesi per l’8 settembre ed in totale saranno 60.639 i candidati che proveranno ad indossare il camice bianco. La prova consisterà in sessanta domande, da completare entro cento minuti, e che riguarderanno temi di carattere disciplinare a discapito di quelli logico-generali; si comincerà con i test per Medicina e Odontoiatria poi si proseguirà il giorno 9 con quelli di Veterinaria per concludere il giorno 16 con la Medicina in inglese.

«I continui ricorsi ai Tar e la reimmissione in facoltà di studenti considerati non idonei hanno creato confusione e gettato discredito su graduatorie e test. Iscriversi a Medicina significa studiare per sei anni e specializzarsi per altri quattro, molti iniziano a pensare che non ne valga più la pena», dichiara il Presidente della scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università di Padova, Santo Davide Ferrara. Sul crollo delle iscrizioni, è intervenuto anche il senatore Pd Gianpiero Dalla Zuanna, docente di Demografia all’ateneo di Padova, il quale ha dichiarato:«La nostra università sfornava i migliori medici d’Italia, i risultati dei test per l’accesso alle scuole di specialità dicono che siamo in fondo alla classifica. Ci siamo seduti ».

Rispondi o Commenta