Torino, il sindaco Fassino propone biglietto unico a 1,50 euro per l’area metropolitana

0

Continua l’emergenza smog in Italia e tra le tante città incriminate vi è anche Torino. Un solo biglietto valido per tutto il giorno e per tutta la rete urbana del trasporto pubblico ad 1 euro e 50 centesimi fino a domenica 3 gennaio, è questo il contenuto del provvedimento di proroga intrapreso dal Tavolo di Coordinamento sulla qualità dell’aria convocato dal sindaco di Torino, Piero Fassino per la giornata di ieri. 

Così come avvenuti per gli anni passati, il biglietto unico sarà valido per tutto il giorno sia a Torino che nei comuni limitrofi tra cui Beinasco, Borgaro, Chieri, Collegno, Grugliasco, Moncalieri, Nichelino, Orbassano, Rivoli, San Mauro, Settimo e Venaria Reale; segnaliamo che il biglietto unico sarà valido anche nelle reti urbane di Carmagnola, Ivrea e Pinerolo. Al riguardo del problema smog a Torino si è espresso il sindaco il quale ha dichiarato:” In questi anni non siamo stati con le mani in mano. Abbiamo agito: il tema ambientale è stato una priorità”.

Stando a quanto dichiarato dal primo cittadino l’impegno dell’amministrazione è stato determinante nella riduzione dell’emissione del CO2 del 22% e l’Ue pone invece un obiettivo del 20% al 2020.Contro il sindaco di Torino si è schierato Giorgio Airaudo, ovvero l’attuale candidato a sindaco della città il quale ha rilasciato alcune dichiarazioni:

“Per quale motivo a Torino non si adottano neanche i provvedimenti emergenziali antismog di Milano e Roma? Forse perché l’aria di Torino è migliore? Come è noto non è così, anzi. Il sindaco Fassino non ha trovato nessuna soluzione, non diciamo più avanzata, ma semplicemente diversa, da quelle che altre città stanno adottando».

Rispondi o Commenta