Trovato un ordigno della II Guerra Mondiale,chiusa l’Autosole

La circolazione stradale sull’Autosole tra i caselli di Orvieto e Orte è stata chiusa nella giornata di ieri, in quanto è stata effettuata una scoperta importante, ovvero un ordigno che da quanto sembra risale alla Seconda Guerra Mondiale. La circolazione è stata chiusa per le operazioni di disinnesco e brillamento della bomba d’aereo della Seconda Guerra Mondiale trovata in località Fori di Baschi.

L’ordigno è stato stato esplodere intorno alle ore 10,16 all’interno di una cava nella zona Scarceta, a circa cinque chilometri dal luogo di ritrovamento; l’ordigno è stato trasportato da un convoglio dell’Esercito e per permettere la rimozione delle spolette, sul luogo del ritrovamento, è stato necessario interrompere il traffico lungo l’Autostrada del sole. Nell’operazione sono intervenuti gli artificieri dell’esercito in collaborazione con le forze dell’ordine, gli enti locali, la Protezione civile, le strutture sanitarie, le ferrovie dello stato e la società autostrade l’Anas.

In realtà la chiusura dell’A1 è durata circa un’ora e mezza, ovvero dalle ore 6,00 fino alle ore 7,30 di ieri.Riattivato, intorno a quell’ora anche il traffico ferroviario sulla linea ferroviaria lenta della Roma-Firenze. Circa 80 persone residenti in un raggio di 1.800 metri dal luogo di ritrovamento,sono state evacuate per permettere lo svolgimento in totale sicurezza delle operazioni.Non si tratta di una singolare scoperta, visto che l’esercito fa sapere che nell’ultimo anno ha distrutto oltre 7.000 ordigni ed ha svolto oltre 30.000 interventi di bonifica negli ultimi dieci anni su tutto il territorio nazionale. A tal proposito, ricordiamo, che l’esercito è l’unica forza armata preposta alla formazione e all’aggiornamento degli artificieri delle forze armate e corpi armati dello stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.