Truppe statunitensi in Iraq sotto il fuoco nemico

I 320 soldati americani della base aerea di Al Asad in Iraq sono ora sotto un fuoco "regolare" di mortai e razzi dai combattenti dell'ISIS.

0

I 320 soldati americani della base aerea di Al Asad in Iraq sono ora sotto un fuoco “regolare” di mortai e razzi dai combattenti dell’ISIS, secondo il Colonnello Steven Warren, portavoce del Pentagono. Mentre gli attacchi sono “del tutto inefficaci”, è in costante incremento la preoccupazione che le forze americane in Iraq possano essere mantenute sicure-

Nessun soldato americani è stato ferito, ma non è chiaro se le forze irachene della base abbiano subito perdite. La maggior parte dei colpi ha colpito la zona del perimetro della base. In un altro attacco alla base aerea di Taji, circa 170 soldati del primo fanteria il 27 dicembre ha iniziato la formazione di quattro battaglioni di forze irachene in un nuovo programma di sei settimane, gestito dai militari degli Stati Uniti.

Tutta la formazione in fase di sviluppo da parte degli Stati Uniti è in parte finalizzata a rendere le forze irachene pronte per lottare per riconquistare Mosul dall’ISIS. Mentre alcuni movimenti militari vicino Mosul da parte degli iracheni hanno avuto luogo, potrebbe volerci ancora settimane prima dell’inizio di una vera e propria campagna militare pieno.

Rispondi o Commenta