Tumore al colon, scoperta proteina responsabile delle metastasi

Ulteriore passo in avanti è stato effettuato nel campo della cura e della prevenzione del tumore al colon. La novità arriva direttamente dal nostro paese, da un gruppo di ricercatori dell’Istituto superiore di sanità i quali hanno scoperto una nuova proteina sulle cellule tumorali del colon per bloccare la crescita della neoplasia.”La linea di studi sulle cellule staminali del cancro del colon rappresenta una delle eccellenze della ricerca nel nostro Istituto. Si tratta di studi fondamentali perché l’incidenza di questo tumore è in rapida crescita soprattutto nell’Italia meridionale, anche a causa del progressivo abbandono della dieta mediterranea”, dichiara Walter Ricciardi Presidente Iss.

Nello specifico i ricercatori hanno individuato una caratteristica unica di queste cellule, ovvero sembra che sulla loro superficie sia presente una proteina delle cellule staminali embrionali, chiamata Cripto, che conferisce alle cellule tumorali un’aumentata capacità di generare altre figure maligne e di formare dunque le metastasi.Queste cellule, tra l’altro sono oggetto di varie ricerche effettuate fa vari laboratori di tutto il mondo.“Abbiamo bloccato le funzioni di Cripto con degli “interruttori molecolari” in grado di sopprimere la presenza di questa proteina e abbiamo ottenuto una inibizione delle attività cellulari collegate alla progressione e diffusione del tumore. Questo ci spinge a proseguire con le ricerche in questa direzione per poter individuare un bersaglio efficace per bloccare la diffusione del cancro”,ha dichiarato Ann Zeuner, ricercatrice del Dipartimento di ematologia, oncologia e medicina molecolare dell’Iss.

Obiettivo di tale ricerca è quello di sviluppare nel più breve tempo possibile delle terapie efficaci capaci di eliminare e non dare la possibilità al tumore di potersi rigenerare.Allo studio, oltre al team di ricercatori dell’Iss, ha collaborato un’equipe di colleghi del Cnr di Napoli, dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena e del National Cancer Institute statunitense.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.