Tumore, bambina di 9 anni curata con la protonterapia per la prima volta in Italia

In Italia sono state messe in atto nuove cure oncologiche direttamente all’Ospedale Bambino Gesù di Roma, dove una bambina di nove anni colpita da cordoma ovvero un raro tipo di tumore che i solito colpisce il sacro o la base cranica, cioè ai due estremi della colonna vertebrale, è stata trattata per la prima volta nel nostro paese con un trattamento nuovo ed innovativo. Si tratta di protonterapia, ovvero una forma di radioterapia basata su fasci di protoni, anzichè di fotoni, un tipo di terapia più precisa ma nello stesso tempo meno dannosa.

E’ emerso che in tutto il mondo sono circa 48 i centri che utilizzano questo tipo di terapia; nello specifico il tumore viene colpito con fasci di particelle subatomiche ovvero protoni che vengono prodotti da un acceleratore simile a quello del Cern di Ginevra. “La tecnica, soprattutto nei bambini, comporta meno effetti collaterali a lungo termine e risparmiare quanto più possibile i tessuti sani che non sono stati colpiti dal tumore perchè i protoni rilasciano energia direttamente nella sede del tumore. Negli Stati Uniti è usata già da molti anni per il trattamento dei pazienti pediatrici, soprattutto di quelli affetti da tumori del sistema nervoso centrale”spiega la dottoressa Angela Mastronuzzi, neuro-oncologa pediatra del Bambino Gesù.

 La piccola, prima di essere sottoposta a protonterapia ha effettuato un lungo percorso diagnostico e clinico, nel corso del quale è avvenuta l’asportazione chirurgica di una porzione del tumore situato alla base del cranio. Purtroppo a causa di della peculiare localizzazione della neoplasia, il responsabile dell’Oncologia del Bambino Gesù ha deciso di sottoporre la piccola ad un nuovo trattamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.