Tumori, scoperto nuova proteina p53 con ruolo determinante nel metabolismo delle neoplasie

Importanti scoperte sono state fatte da un gruppo di ricercatori italiani, riguardo quella che è la proteina p53 e quelle che sono le sue importanti nuove funzioni nel delicatissimo ambito oncologico. Per essere più precisi la scoperta effettuata riguarda quello che è l’importante ruolo svolto dalla proteina p53 nel metabolismo dei tumori e per essere ancora più precisi in quella che è la regolazione della via metabolica del mevalonato la cui produzione incontrollata è stata nello specifico associata a carcinomi mammari, polmonari e dunque a diversi tipi di tumori.

Ad effettuare tale importante scoperta sono stati nello specifico i Ricercatori dell’Istituto per l’endocrinologia e l’oncologia “Gaetano Salvatore” del Consiglio nazionale delle ricerche (Ieos-Cnr) di Napoli e dell’Università di Salerno e sulla delicata scoperta effettuata si è espressa la coordinatrice del gruppo di ricerca Chiara Laezza, colei che appunto ha coordinato la ricerca insieme a Maurizio Bifulco, affermando nello specifico “Esistono oncogeni ed oncosoppressori, geni normalmente presenti nel nostro DNA che regolano numerose funzioni cellulari e che sono coinvolti nella trasformazione neoplastica, cioè da cellule normali a tumorali, quando subiscono mutazioni perdendo la loro corretta funzionalità”.

Ma le parole espresse sulla questione da Chaiara Laezza non sono finite qui, infatti la donna ha continuato affermando “Tra questi, il fattore trascrizionale p53, originariamente noto come oncosoppressore, è certamente uno dei più importanti. Noto come oncosoppressore, quando subisce variazioni perde la sua attività soppressiva sul tumore ed acquisisce nuove funzioni oncogene, ovvero sostiene diversi aspetti del processo di cancerogenesi, tra cui l’alterata attività metabolica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.