Unioni civili, Bagnasco contrario alle omologazioni automatiche

0

Le unioni civili non possono essere omologate alla famiglia “perché sono realtà diverse”, è questo quanto dichiarato dal Presidente della Cei, Angelo Bagnasco, parole dichiarate nel corso di un’intervista alla Radio Vaticana. Il cardinale, nel corso della stessa intervista ha anche aggiunto:“la famiglia naturale è fondata sul matrimonio, come anche riconosce la nostra Costituzione. Bisogna riconoscere la diversità e trattare le singole realtà secondo la concreta situazione. Omologare automaticamente mi pare che sia contro la logica”.

Alla luce degli ultimi episodi di scontri tra Stato e Chiesa, sul tema dell’immigrazione, Bagnasco ha tenuto a precisare di essere contrario a qualsiasi tipo di scontro, e dichiara: “La polemica non aiuta certamente ad affrontare nessun problema.Bisogna affrontare qualunque discussione, qualunque problematica con serenità di giudizio, con onestà intellettuale. E con la volontà di trovare veramente e serenamente il meglio”.Parlando proprio del rapporto tra Stato e Chiesa, lo stesso dichiara: “nessuno può fare delle ingerenze, nel modo più assoluto: tutti devono portare il proprio contributo rispettando le responsabilità di ciascuno”.

Circa le polemiche degli ultimi giorni, sul tema dell’immigrazione, Bagnasco torna a parlare di questo fenomeno molto attuale, dichiarando:“Fin quando si pensa che questo grande fenomeno, che è una tragedia umana, è il problema di ogni singolo Stato e quindi viene lasciato, scaricato su ogni singolo Stato, non si affronterà mai in modo dignitoso, umano e giusto questo fatto che credo sia assolutamente reversibile e che non finirà in poco tempo. L’abbiamo visto ancora in questi giorni: questa povera gente, disperata, che fa di tutto, rischia la vita in ogni modo, pur di sperare di andare verso un futuro migliore, è un problema veramente mondiale. Questo è un problema talmente grave e grande, che solamente una autorità mondiale, nella quale convergono i poteri politici e i poteri economici, può affrontare”.

Rispondi o Commenta