Usa, giornalista e cameraman uccisi in diretta tv da un ex collega

Una tragedia è avvenuta in diretta televisiva in America e nello specifico in Virginia, dove un giornalista ed un cameraman sono stati uccisi a colpi di pistola da un ex collega che poi è morto in ospedale. Come già anticipato la tragedia è avvenuta nello stato della Virginia, in Usa intorno alle ore 6.45 del mattino ora locale, quando Alison Parker di 24 anni e Adam Ward di 27 anni, appartenenti all’emittente televisiva Wdbj stavano partecipando ad una trasmissione nei pressi di Bridgewater Plaza, vicino Moneta.

Da quanto emerso, il killer è un ex dipendente afroamericano Vester Lee Flenagan, di 41 anni il quale era stato da poco licenziato ed aveva tra l’altro avviato una causa per discriminazione razziale contro l’emittente. Il killer, dopo aver commesso il fatto,si è dato alla fuga, spiegando poi l’accaduto su Twitter dove tra l’altro ha anche pubblicato il video choc dell’esecuzione girato in soggettiva, e poi si è sparato. Sono stati gli agenti di polizia a ritrovarlo in auto, agonizzante e nonostante l’immediato trasferimento in ospedale, non è riuscito a sopravvivere.

«Ho ucciso due persone e la polizia mi sta inseguendo, è ovunque»,sarebbero state queste le ultime parole dichiarate dal killer prima di uccidersi. Nel corso della sparatoria è rimasta ferita anche una donna intervistata in diretta, ovvero Vicki Gardner, direttrice della locale Camera di Commercio. «Una sparatoria tragica, un altro esempio di violenza delle armi divenuta troppo comune negli Stati Uniti”, hanno dichiarato dalla Casa Bianca.”Il Congresso passi la stretta sulle armi da fuoco», ha dichiarato il portavoce del Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.