Vacanze 2015 al mare allarme Goletta Verde, alta affluenza di bagnanti è un fattore di rischio

0

Vacanze 2015 al mare, ma quale spiaggia scegliere? Ebbene, l’inquinamento delle acque in spiaggia non può essere di certo associato al numero delle presenze, pur tuttavia più elevata è l’affluenza dei bagnanti, più alta è in Italia la probabilità che il mare sia inquinato. Questo perché nel nostro Paese, in maggioranza, i punti inquinati sono proprio quelli in corrispondenza dei quali le spiagge sono libere.

Questo è quanto emerso, tra l’altro, dal Rapporto 2015 Goletta Verde di Legambiente che, con la consueta campagna che è finalizzata al monitoraggio ed alla difesa del mare, ha presentato quelle che sono le criticità per le nostre acque.

In particolare, a conclusione del viaggio da parte del laboratorio mobile di Goletta Verde, durato ben due mesi, è emerso che è allarme depurazione ed illegalità per il mare italiano visto che, su un totale di 266 campioni di acqua che sono stati presi in analisi, ben il 45% ha fatto registrare delle cariche batteriche su livelli che sono superiori ai limiti attualmente imposti dalla normativa.

In altre parole in Italia per ogni 62 chilometri di costa c’è in media un punto inquinato a causa, principalmente, di un trattamento di depurazione delle acque che continua a non essere adeguato. Ed a tutto ciò si aggiungono pure i reati ambientali che, stando alle infrazioni accertate da parte delle capitanerie di porto e dalle forze dell’ordine, sono stati nel 2014 oltre 14 mila, ovverosia una media pari all’incirca a ben 40 al giorno a fronte, nell’intero anno, di 4.777 sequestri e di 18 mila persone che sono state denunciate.

Rispondi o Commenta