Vaccinazione obbligatoria per iscriversi a scuola, arriva il primo si delle Regioni

I bambini non vaccinati potrebbero non entrare a scuola, è questo quanto previsto dal nuovo Piano Vaccini 2016-2018, approvato nella giornata di ieri dalle Regioni. Ebbene si, la Conferenza delle Regioni ha deciso di dare parere favorevole al Piano nazionale della prevenzione vaccinale 2016-2018, lo ha reso noto il Presidente della Conferenza Sergio Chiamparino, il quale ha anche aggiunto che il parere favorevole è tuttavia condizionato alla proposta di apertura di un tavolo per stabilire priorità e fondi necessari.

“Abbiamo formulato un’intesa con la proposta di costituirlo con lo Stato per valutare priorità e sostenibilità finanziaria.Daremo un’intesa con la richiesta di attivare questo tavolo, su cui mi risulta ci sia già un accordo”, ha dichiarato Chiamparino. Nel corso della Conferenza delle Regioni, il sottosegretario all’Economia, Pierpaolo Baretta ha chiesto a nome dei Mef che il parere sul piano vaccinale 2016-2018 venga rinviato all’esame .

«La richiesta di rinvio sul provvedimento sui vaccini è motivata da ragioni tecniche. Il testo è complesso e il tempo per analizzarlo è stato scarso. Ne parleremo col Ministero della Salute per condividere la relazione tecnica e pensiamo di concludere positivamente entro la prossima conferenza straordinaria», dichiara Pierpaolo Baretta, motivando così la richiesta di rinvio del parere sul piano vaccinale.Il piano, inoltre, prevede anche delle pesanti sanzioni nei confronti dei medici denominati “infedeli”. A tal ragione nella bozza iniziale si legge quanto segue:«Concertati percorsi di audit e revisioni tra pari, con la collaborazione degli ordini professionali e delle associazioni professionali e sindacali che possano portare anche all’adozione di sanzioni disciplinari o contrattuali se se ne ravvisa l’opportunità».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.