Venezia, eccezionale bassa marea: difficoltà nella navigazione

Evento davvero eccezionale quello verificatosi nella giornata di ieri a Venezia. Stiamo parlando della bassa marea record del tutto eccezionale che ha davvero lasciato tutti i veneziani senza parole. L’acqua ha toccato i meno 50-70 cm sotto il medio mare, mettendo a nudo fondamenta già purtroppo segnate dal tempo ed ancora mattoni sfaldati e gradoni non proprio in condizioni ottimali. Se tutto l’anno Venezia deve fare i conti con l’effetto contrario, ovvero la marea eccessiva, superiori ai 110 cm, il fenomeno della bassa marea verificatosi negli ultimi giorni ha davvero stupito tutti.

I veneziani hanno una spiegazione a tutto ciò, riconducibile al mancato scavo dei rii che ormai da circa 10 anni viene impedito dagli tagli della Legge Speciale con i suoi fondi deviati al Mose, ovvero il sistema di dighe mobili che combatte l’alta marea. «Nella stagione invernale le basse sono frequenti, ma in questi giorni se ne sono verificate molte di seguito», spiegano dall’Ufficio maree di Ca’ Farsetti. Ad oggi, quello della bassa marea è davvero considerato un evento eccezionale, molto più frequente invece nell’ottocento quando erano quasi all’ordine del giorno.

Il fenomeno come prevedibile ha provocato moltissimi disagi nei trasporti, molti vaporetti e mezzi di soccorso sono rimasti incagliati nel fango e tanti rii sono rimasti isolati. Tanti i canali completamente asciutti e pieni di fango con l’acqua bassa che come abbiamo anticipato ha toccato i meno 50-70 cm sotto il medio mare.

Da quanto emerso, l’alta pressione tenderà ad attenuarsi soltanto verso Capodanno ed ormai mancano pochi giorni; attesa dunque ancora quasi una settimana di basse mareee eccezionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.