Venezia, ristorante ebraico vieta la pappa ad una neonata perchè contenente grana

Incredibile quanto avvenuto all’interno di un noto ristorante ebraico del centro storico di Venezia dove è stata praticamente vietata una pappa ad una bambina di appena 8 mesi, semplicemente perchè all’interno conteneva formaggio grana, che sarebbe vietato nella cucina kosher.

Il ristorante in questione è il Gam Gam Bar ristorante ebraico kosher sito nel ghetto a pochi passi dal Ponte delle Guglie dove vengono solitamente cucinate pietanze tipiche della cucina ebraica e piatti mediorientali. Stando alla tradizione della Torah,carne e latticini andrebbero separati e dunque non possono essere consumati e cucinati insieme o con gli stessi utensili, motivo per quale, come anticipato, è stato vietato ad una bambina di otto mesi di mangiare la sua pappa contenuta in un thermos, perchè presente del formaggio grattugiato.

L’episodio è stato raccontato dai genitori della piccola, ovvero Antonello Scarpa ed Elisabetta De Sandre di Noale i quali raccontano:«La nostra figlioletta era affamata. Siamo ancora basiti.Arrivati nel locale ci hanno portato il menù e il seggiolone dove abbiamo fatto sedere la nostra piccola Ester.«Da casa dentro un thermos, come di consuetudine facciamo e fanno tutti, avevamo portato la sua cenetta. Nel mentre mi apprestavo ad aprire il contenitore si è avvicinata una cameriera chiedendoci cosa c’era dentro.: La pappa al pomodoro. Con insistenza la cameriera ha continuato a chiedere: quali alimenti contiene?. Acqua, pane, pomodoro e una spruzzatina di formaggio grana”.

A questo punto la cameriera avrebbe invitato i genitori a non dare la pappa alla piccola. «Cosa si lamentano queste persone? E’ una cosa religiosa. Le regole della cucina ebraica vanno rispettate. Inoltre non capiamo perché quei genitori hanno prenotato online con MiSiedo, un portale che non fornisce informazioni corrette. Bastava fare una telefonata al nostro locale. Infine il titolare è il Rabbino, è lui che dà i permessi. Lo abbiamo proposto a quei genitori. Hanno preferito
andarsene», questa la risposta della camiriera che non ha gradito la diffusione della notizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.