Veronica Maya incinta: La piccola si chiamerà Katia, come la nonna del mio Marco

Siamo molto contenti: in fondo al cuore io e Marco volevamo una femminuccia. E il nostro desiderio si sta avverando». Veronica Maya è incinta al quinto mese ed entro la fine dell’anno regalerà una sorellina a Riccardo e Tancredi. La conduttrice televisiva e il suo compagno, il chirurgo plastico Marco Moraci, sono al settimo cielo.
«Questa figlia è stata voluta, se non fosse arrivata adesso, anticipando i nostri programmi,
Io e Marco ci saremmo messi al lavoro dopo l’estate. Sono certa che renderà ancora più unita la nostra famiglia, nella quale sia io che il mio compagno crediamo tanto».
La gravidanza è una materia in cui ormai è esperta: come procede questa terza?
«In effetti sul tema potrei condurre un programma. E una delle poche cose che mi manca da fare in Tv, e so che sarei credibile. Rispetto alle precedenti questa terza maternità la vivo in maniera diversa. So che cambierà la mia routine familiare, perché saremo in cinque e questo inevitabilmente renderà ancora più movimentata la quotidianità di tutti noi. Quando aspettavo il primo figlio avevo più tempo per immaginare come sarebbe stata la mia vita una volta nato. Stavolta devo pensare anche agli altri due, che le loro esigenze le hanno già. So che non sarò una mamma che si preoccupa solo di come sarà vestita la bambina: tutti mi dicono che potrò sbizzarrirmi nella scelta degli abiti, ma questo è l’aspetto che mi interessa meno. E l’idea di consolidare i legami tra tutti noi che mi entusiasma molto».
Avete già scelto il nome della piccola?
«Ci stiamo pensando. Ci piacerebbe Katia, che è il nome della nonna di Marco. Ma non è ancora certo, e in ogni caso dovremmo pensare anche a un secondo nome, perché in famiglia l’abbiamo tutti. Ma c’è ancora tempo».
I suoi figli come hanno reagito quando ha detto loro che avrebbero avuto una sorellina?
«Riccardo, il più grande, ha tre anni e mezzo ed è più consapevole: sa che sta arrivando la sorellina che ora è nella mia pancia. Così, appena può, mi accarezza, controlla se la pancia cresce e la bacia. Tancredi, che ha due anni, lo fa più per imitazione. Ho notato che nelle ultime settimane entrambi sono molto più affettuosi del solito con me. In questi giorni, guardandoli, mi domando se quando saranno in tre mi basteranno le mani. Ma non sono preoccupata».
Pensa che avere una femmina cambierà il suo modo di essere mamma?
«Riccardo e Tancredi stanno crescendo piuttosto in autonomia: io sorveglio, ma non sono una mamma asfissiante. Un po’ perché non lo sono di carattere, un po’ perché sono maschi, e devono imparare a sbrigarsela da soli. Comunque sono una mamma molto presente e sempre vigile, così come lo è il mio compagno. Sicuramente con la piccola sarò più complice. Credo che Marco sarà molto geloso e possessivo e sono certa che coinvolgerà i fratelli nella protezione della sorella». Lei e Marco non siete sposati: le piacerebbe diventare la signora Moraci?
«Sì, non è un mistero. Con Marco ne parliamo spesso, non solo in prospettiva. Io sono stata sposata con Aldo Bergamaschi e ho ottenuto l’annullamento dalla Sacra Rota. Mi manca solo il divorzio, ma devo fare i conti con i tempi burocratici. Anche se viviamo come fossimo già marito e moglie, sia Marco che io ci teniamo molto, perché crediamo nel valore del matrimonio. Sappiamo che non è indispensabile, però vogliamo farlo per il significato del gesto che andremo a compiere. Non mi interessano gli aspetti più frivoli, come la scelta dell’abito o della location. So solo che con noi ci saranno tutte le persone che ci vogliono bene. E i nostri tre figli».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.