Video virale di un bimbo colpito da pertosse pubblicato dalla madre 'Vaccinate i vostri figli'
Video virale di un bimbo colpito da pertosse pubblicato dalla madre Rebecca Harreman, che lancia un appello: ''Vaccinate i vostri figli'.
Segui Newsitaliane.it su Facebook

“Vaccinate i vostri figli” mamma pubblica un video del figlio colpito da ipertosse


“Sono stanca, nelle ultime tre settimane mi sono svegliata ogni singola volta che il mio bambino tossiva per paura che smettesse di respirare”.  Un video che lancia il messaggio ‘Vaccinate i vostri figli‘, e che in Rete è diventato subito virale con oltre 1,5 milioni di visualizzazioni in pochi giorni. E’ il video che ha pubblicato Rebecca Harreman, una mamma australiana che riprende il figlio che mostra palesi difficoltà respiratorie dopo essere stato colpito dalla pertosse.

Il video, come detto, è diventato virale ma ha pure scatenato un acceso dibattito su scala planetaria tra chi è a favore e chi invece è contro le vaccinazioni. ‘Bisogna vaccinare i bambini, non fare nulla è sbagliato. Forse questo video vi convincerà’, ha comunque scritto la mamma australiana riferendosi al figlio di appena quattro mesi sottolineando, tra l’altro, di essere stanca in quanto ‘nelle ultime tre settimane mi sono svegliata ogni singola volta che il mio bambino tossiva per paura che smettesse di respirare‘.

Rebecca Harreman ha ricevuto tanti messaggi di solidarietà, ma anche qualche messaggio, da parte di anti-vaccinisti convinti, in cui si chiedeva di rimuovere il video. ‘Non intendo offendere nessuno con le mie idee’, ha replicato la mamma del piccolo, ‘ma qualche anti-vaccinista pensa di poter dire che non sono autorizzata a condividere la mia esperienza personale‘.

Mamma Rebecca aggiunge: “Ora, quando definisco “buono” quest’attacco di tosse, voglio dire che non è assolutamente paragonabile agli attacchi della fase acuta. Non è nemmeno abbastanza a lungo da essere chiamato un attacco di tosse. Nulla in confronto a quando l’ho visto diventare blu violaceo per la tosse e  ho assistito ad attacchi così tanto lunghi da non consentirgli di prendere nemmeno un singolo respiro”.

Poi, la donna aggiunge: “Sono stata in emergenza per più di tre settimane dovendo svegliarsi ogni volta che il mio bambino tossiva per paura che smettesse di respirare. Ogni. Singolo. Momento. Io non posso e non cederò il dovere a nessun altro, perché non posso dormire“.

Non mi importa se le vaccinazioni hanno controindicazioni perché tutte le persone in questo mondo reagiscono diversamente ai vari tipi di cibo, ai prodotti, ai medicinali. Non potrebbe importarmene di meno, anche se un giorno si provasse davvero che non hanno effetto“.

Non ho intenzione di offendere nessuno in particolare con le mie opinioni Perché sono proprio questo. “Ma dal momento che alcuni anti-vaccino sembra che non possano condividere e dire tutto quello che vogliono, anche se è inaffidabile, e io non sono autorizzato a dire la mia o condividere la mia esperienza personale … beh allora io dico insisti! ”. Poi continua dicendo“Non puoi chiudere un occhio e non condividere le tue opinioni, per paura che possano turbare qualcun altro. Si chiama libertà di espressione. Se loro possono dire quello che vogliono, allora anche io posso. “

Stando alla letteratura medica ufficiale, pur tuttavia, ad avere ragione sembra essere proprio la mamma australiana visto che, per esempio proprio in Italia, negli ultimi anni i casi di pertosse nei bambini sono aumentati proprio in ragione del calo delle vaccinazioni. L’Europa è peraltro il Continente più colpito con una frequenza di un caso di pertosse ogni centomila.

“Bisogna vaccinare i bambini, non fare nulla è sbagliato. Forse questo video vi convincerà“, scrive la donna sul suo profilo. In seguito al post, rivela la Herrman, ci sono stati diversi messaggi di anti-vaccinisti, che hanno anche segnalato il video con l’intento di farlo rimuovere. “Non intendo offendere nessuno con le mie idee– afferma -, ma qualche anti-vaccinista pensa di poter dire che non sono autorizzata a condividere la mia esperienza personale”.

Privacy Policy