Violento terremoto tra l’Afghanistan ed il Pakistan,si contano più di 200 vittime

Nella giornata di ieri si è verificato un terribile terremoto in Asia e nello specifico tra l’Afghanistan ed il Pakistan.Un magnitudo 7,6 gradi della scala Richter, ha colpito la regione dell’Hindukush, provocando purtroppo tantissime vittime. Il bilancio purtroppo è particolarmente grave, anche se provvisorio, destinato a salire di ora in ora. I morti accertati al momento sono circa 230 ma come anticipato, il bilancio è destinato a salire.

Il sisma è stato avvertito anche in tutto il nord indiano e la gente nella zona di Islamabad è uscita nelle strade. Moltissimi i feriti, molti dei quali sono stati ricoverati nell’ospedale di Peshawar, capitale della provincia di Khyber ed altre centinaia negli ospedali della regione dello Swat. «Ho appreso del forte sisma nella regione di Afghanistan-Pakistan con scosse avvertite anche in alcune zone dell’India. Prego per la salvezza di tutti», ha dichiarato Narendra Modi, il Premier Indiano che ha offerto assistenza ad Afghanistan e Pakistan.Il sisma ha provocato frane che hanno bloccato la Karakoram Highway, che collega il Paese con la Cina.

La scossa si è originata a 196 chilometri di profondità, con epicentro nell‘Hindukush afgano. Registrate, sempre nella giornata di ieri, due repliche, la prima di magnitudo 4,8 Richter e la seconda di magnitudo 4,7; le repliche si sono registrate nelle ultime ore nella stessa zona della regione.Registrati anche gravi danni a case e infrastrutture. L’epicentro delle due scosse, ha reso noto il Centro sismologico europeo mediterraneo, ha coinciso con quello del sisma principale.Il presidente Ashraf Ghani tramite il proprio profilo Twitter ha assicurato che tutte le agenzie governative sono pronte ad assistere le vittime del sisma e ad intervenire per operazioni di soccorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.