Vittorio Sgarbi torna a casa dopo lo spavento: ‘Medici esemplari ed amabili’, lascia Urbino

0

Medici esemplari ed amabili‘. Questo è quanto, come riporta Repubblica.it, ha dichiarato Vittorio Sgarbi al momento dell’uscita dall’Ospedale di Modena dopo il grande spavento. Dopo il ricovero per un malore, e dopo un intervento di angioplastica, il critico d’arte ora dovrà completare il periodo di convalescenza a casa per poi tornare a riprendere la sua normale attività.

“Se non mi fossi fermato a Modena adesso sarei morto”. Se l’è vista brutta, Vittorio Sgarbi, che a poche ore dall’angioplastica d’urgenza che gli ha salvato la vita racconta del malore accusato nella notte tra mercoledì e giovedì scorso. Un’ischemia cardiaca, la diagnosi, e dal suo letto d’ospedale il critico d’arte aggiunge: “Mi hanno detto: se lei non si fosse fermato, entro mezz’ora sarebbe morto. Quindi ero vicino alla morte e non ne ho avuto la consapevolezza. Perché si sarebbe interrotto il flusso di sangue nella coronaria e io, non fermandomi, sarei morto”.

In verità però pure in questi giorni di ospedale Vittorio Sgarbi non è rimasto con le mani in mano, anzi! Per esempio, ha avuto già il tempo di maturare la decisione di lasciare un importante incarico annunciando e rassegnando le proprie dimissioni.

Nel dettaglio, Vittorio Sgarbi ha annunciato le proprie dimissioni, ad Urbino, dalla carica di assessore alla Rivoluzione, alla Cultura e all’Agricoltura citando il fatto che è stata ‘lesionata l’organica alleanza con i Verdi’, così come ‘sono venute meno le elementari regole di lealtà’.

Come riporta l’Ufficio Stampa dell’ex parlamentare, sulla decisione di Vittorio Sgarbi di dimettersi ha influito pure la scelta da parte del vicesindaco di Urbino di far installare nel cuore del centro storico, ed in particolare in Piazza della Repubblica, una installazione che, impropriamente definita come ‘albero di Natale’, è stata subito bollata dal critico d’arte come ‘una inutile bruttura immorale‘.

‘Centinaia in queste ore, da parte di tanti cittadini di Urbino, i messaggi di solidarietà a Vittorio Sgarbi. che da assessore, grazie alle tante iniziative messe in campo, è riuscito a riaccendere i riflettori sulla città’, conclude la nota pubblicata via Facebook dall’Ufficio Stampa dello scrittore.

Rispondi o Commenta