Nuova Zelanda: 243 mila euro di stipendio annuo, tre mesi di ferie e weekend liberi: nessuno vuole questo lavoro

Una particolare ma soprattutto vantaggiosa proposta di lavoro arriva direttamente da Waikato, una delle 16 regioni della Nuova Zelanda, dove un medico di base è alla ricerca, ormai da circa due anni, di un collega che possa aiutarlo a smaltire l’immensa mole di lavoro.

Nello specifico, a lanciare il particolare appello, è stato il dottore Alan Kenny che ormai da diverso tempo svolge il lavoro di medico in un posto considerato rurale e che proprio a causa del tantissimo lavoro da svolgere e alla carenza del personale, da molto tempo non può concedersi dei giorni di vacanza e di pausa considerati necessari per ciascuno di noi. A lanciare l’appello e a raccontare la questione è stato lo stesso dottore il quale, nel corso di una recente intervista rilasciata nello specifico a Il Guardian avrebbe raccontatoDa due anni non posso prendere un giorno di vacanza, il lavoro è eccessivo per un solo medico” e ad aiutarlo nel duro lavoro, al momento, è solo la figlia che oltre ad aiutare il padre a svolgere il suo lavoro sta anche facendo pratica proprio per diventare medico.

Ma la stranezza, ciò che lascia il medico e non solo, senza parole, sono le vantaggiose condizioni offerte per poter prestare il proprio servizio con un salario annuo di 240 mila euro oltre che tre mesi di ferie. Ma non finiscono qui le condizioni favorevoli offerte dal medico in quanto, oltre a questo prezioso stipendio e alle ferie concesse, il medico sembrerebbe aver specificato che colui il quale si candiderà e riuscirà ad ottenere il lavoro non dovrà neppure svolgere il turno notturno e avrà i weekend liberi. Insomma, nonostante al giorno d’oggi moltissime persone non si trovano a vivere in condizioni economiche favorevoli e nonostante il lavoro scarseggi al punto tale che ogni giorno sempre più aumentano il numero dei disoccupati e di coloro i quali arrivano a compiere gesti folli come per esempio porre fine alla propria vita a causa delle condizioni economiche sfavorevoli, ecco che nonostante tutto ciò in due anni di appelli da parte del dottor Alan Kenny ancora nessuno sembrerebbe aver offerto la propria disponibilità al lavoro e dunque la propria candidatura per poter affiancare il medico nel suo lavoro.

Alan è costretto, essendo l’unico dottore nella zona, a prestare il proprio servizio a tutta la regione ma la presenza di una seconda figura, che potrebbe aiutarlo nel suo lavoro, potrebbe anche permettere al medico di svolgere il proprio servizio di medico in condizioni sicuramente più serene rispetto a quella in cui si trova al momento. Il medico sta diffondendo l’annuncio di lavoro tramite articoli di giornali, annunci su riviste e social network, un lavoro che sarebbe disposto ad offrire a chiunque sia in grado di aiutarlo e la speranza del medico è quella che presto, qualcuno, si proponga per questo lavoro che ripetiamo, presenta delle condizioni assolutamente favorevoli.

Il vicedirettore generale della New Zealand Rural General Practice Network, la rete dei medici di base locale, Lynda Reynolds, ha precisato che si sta lavorando al problema della carenza di personale medico nei centri rurali o nei villaggi della Nuova Zelanda, attraverso l’impiego dei giovani medici dell’International Medical Group (IMG). Il dottor Alan Kenny per troppo lavoro ha dovuto rinunciare alle sue ferie e molti week end è costretto a lavorare. Ma il dottor Kenny ha confessato di non riuscire più a tenere il passo e sostenere il carico di responsabilità. Il dottore afferma che probabilmente la posizione è rimasta ancora vacante a causa del pesante carico di lavoro, oltre che per la posizione geografica di Tokoroa. Ancora nessuno ha risposto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.