Abusivismo a Licata, scontri durante una demolizione tra polizia e contestatori: quattro arresti e diversi feriti in ospedale

Abusivismo a Licata, scontri tra polizia e contestatori: quattro arresti e diversi feriti in ospedale

Giornata di scontri quella di ieri a Licata ancora una volta causati dalle demolizioni degli immobili abusivi siti lungo la fascia costiera. Nello specifico si sono registrati diversi scontri in contrada Gallo D’Oro che però non sono riusciti a bloccare le ruspe; purtroppo il bilancio degli scontri tra contestatori e polizia è piuttosto grave visto che diverse persone sono rimaste ferite, tra cui anche il funzionario della Questura di Agrigento che è stato colpito da un pugno ed è caduto per terra tramortito.

Sono circa quattro le persone rimaste contuse nel corso degli scontri che come abbiamo anticipato sono avvenute per lo più nella zona Gallodoro a Licata, proprio a due passi dal mare dove sono presenti diversi immobili abusivi. Nella mattinata di ieri una serie di operai si erano messi al lavoro per svuotare gli immobili da mobili e tutto ciò che vi era all’interno di una delle villette che l’impresa doveva demolire.

Nel pomeriggio sono giunte una ventina di persone con l’intento di impedire l’ingresso nella zona dei camion carichi dei mobili, e nonostante la polizia li avesse convinti a desistere, queste persone sono andate avanti con la loro protesta. Sono nati così i primi scontri che hanno portato al ferimento di una donna la quale è stata trasportato al pronto soccorso dell’ospedale San Giacomo d’Altopasso. In totale sono cinque le persone arrestate dalla Polizia di Stato per gli scontri avvenuti ieri a Licata.Le accuse per loro sono di resistenza e violenza a pubblico ufficiale, e la procura di Palermo ha avviato sul caso un’inchiesta coordinata dal pm Salvatore Vella.Al momento le strutture demolite risultano essere una decina e circa un’altra ventina sono ancora nella lista delle esecuzioni e ben presto verranno demolite.Tra le persone condotte in ospedale ci sarebbe anche una bambina che avrebbe riportato un forte choc.

Parlando dell’abusivismo, proprio nei giorni scorsi era intervenuto il sindaco il di Licata, ovvero Angelo Cambiano, il quale aveva dichiarato: “Il reato non è identità». È sicuro? «Non solo. La verità è che prima ancora delle ruspe c’è bisogno di cancellare la pacca sulla spalla, la strizzatina d’occhio. Nella pacca c’è la complicità e la promessa di farla franca; nella strizzatina si cela invece il mezzo accordo, il mezzo compromesso tra il politico e gli elettori. Demolire certo. Ma andrebbe rasa al suolo, insieme agli scheletri degli edifici, pure la diceria e la similitudine. È quella che ci porta dire “c’è sempre un ladro più ladro di me”. Che facciamo? Legalizziamo il furto?». A Licata quanti consiglieri comunali sono abusivi o difendono abusivi? «Quasi il 30 per cento». Il primo cittadino di Licata sta portando avanti, insieme alla Procura di Agrigento, dopo aver sottoscritto lo scorso 7 ottobre il protocollo d’intesa, gli interventi di demolizione di case abusive.

Combatte l’abusivismo edilizio ma ha la casa abusiva anche lei? «La mia casa è in regola. Posso mostrare i documenti».

In Sicilia i mascalzoni dissimulano e ci confondono spacciando virtù. Alcuni esempi sono il mafioso- antimafia, l’abusivo-antiabusivo, il forestale piromane, il disabile in salute. «In questa isola purtroppo si fa traffico di ideali e si distribuiscono patentini di legalità».

Dunque ha subìto un attentato o se lo è organizzato per imbrogliarci? «C’è chi ha pensato che sia stato io a incendiare la casa di mio padre per finire sui giornali. Per fortuna ci sono le telecamere che hanno ripreso gli uomini che appiccavano il fuoco. C’è perfino chi mi ha denunciato per abusivismo edilizio…». Lo vede? «Proprio giovedì scorso sono venuti i carabinieri a casa mia. È stata presentata una denuncia per abusivismo edilizio contro di me. Credevano che il pergolato della mia abitazione fosse abusivo. Non lo è. Ma qualora lo fosse stato non mi sarei certo sottratto alla legge».

Facendo eseguire le sentenze della procura di Agrigento che disponevano la demolizione di dieci edifici illegali e selvaggi, Angelo Cambiano, sindaco di Licata, si è guadagnato tra i briganti la fascia di cretino, tra gli onesti la croce di gran merito.«E c’è una dismisura sia tra chi vuole sempre aggirare la legge, ma anche tra chi crede che averla fatta rispettare sia rivoluzionario. L’ordinario non è straordinario».

Nella notte dello scorso 9 maggio, degli incappucciati e dunque abusivi anche nella vigliaccheria, hanno incendiato la casa di campagna del padre di questo sindaco di trentacinque anni, eletto da nove mesi («ma ho già fatto politica e sono stato pure vicesindaco») insegnante («di matematica e di ruolo. Non sono abusivo neppure nella pubblica istruzione») di centrodestra, («per tradizione ma non per vocazione»). Dopo l’attentato è stata subito solidarietà.

Il ministro degli Interni, Angelino Alfano, è sceso a Licata a presiedere un comitato per l’ordine e la sicurezza e a Cambiano è stata assegnata la scorta. I sindaci della provincia si sono ritrovati e raccolti insieme a lui. Il governatore siciliano Rosario Crocetta gli ha telefonato. E direttamente da Palermo si è precipitato a Licata anche il senatore Giuseppe Lumia, che molti considerano l’impresario dell’antimafia, una sorta di fornitore di valori, che gli ha testimoniato vicinanza.

L’eccesso di solidarietà non è una forma di abusivismo? «Lo può essere. La solidarietà smoderata è come un edificio a più piani ma di materiale scadente. E però, è possibile a volte verificare la genuinità. I sindaci dei paesi vicini hanno la possibilità di demolire. La politica regionale di non promettere sanatorie impossibili». Di sicuro non se ne possono promettere a Licata, un territorio dove andrebbero spediti tutti gli ingegneri idraulici, gli architetti e gli urbanisti prima di abilitarli alla professione e consentirgli di iniziare lavori e di aprire cantieri. Qui il mare si spaventa e soffoca di fronte ai palazzi di tredici piani, (tredici!) fatti elevare dai tarantolati del cemento, dagli eccitati del badile. Pure il cimitero offende il cielo e il paradiso. «E’ stato costruito sul costone roccioso. I morti riposano con vista mare».

Nel palazzo comunale, Cambiano ha scelto di occupare una stanza minima, quasi un sottotetto, un sottoscala che si affaccia su una piazza che si chiama “del progresso”. E non si sa se fosse meglio la miseria a questa specie di progresso. «Oggi demolire è l’autentico progresso».

Cambiano è un ingegnere: «Laureato in informatica». Dove? «All’università di Catania». È figlio di professori: «Lettere mia madre, educazione tecnica mio padre». Sua moglie? «Insegnante pure lei. Di sostegno. Aspettiamo un figlio. È al quinto mese di gravidanza. Dopo l’attentato ha pianto, ma credo fosse uno sfogo. L’attentato mi ha avvilito. In precedenza, un altro abusivo, un ambulante, mi ha fratturato il setto nasale». Lei come si sfoga? «Fumo, tanto, troppo». Cambiano ha la fronte alta e vasta ma la voce bassa e calda: «Preferisco scrivere che urlare».

Demolire degli edifici abusivi è ancora un gesto eversivo? «Lo può diventare in presenza di sindaci furbetti e procuratori distratti. Le case che abbiamo abbattuto a Licata sono state definite abusive con sentenze passate in giudicato dopo trent’anni.Se non le avessi fatte demolire avrei rischiato la denuncia per abuso e omissione d’atti d’ufficio. E attenzione, parliamo di seconde case, tutte costruite a 150 metri dal mare. Case che neppure un’amnistia del presidente Sergio Mattarella avrebbe potuto sanare». Il coraggio gliel’ha dato il procuratore? «Il voto di chi mi ha eletto e che ha costruito le case in maniera legale. Ci sono anche in Sicilia gli uomini retti».

In Sicilia l’abusivismo non fa parte dell’identità di un popolo? Non è patrimonio come la granita, il barocco e Pirandello? «Il reato non è identità». È sicuro? «Non solo. La verità è che prima ancora delle ruspe c’è bisogno di cancellare la pacca sulla spalla, la strizzatina d’occhio. Nella pacca c’è la complicità e la promessa di farla franca; nella strizzatina si cela invece il mezzo accordo, il mezzo compromesso tra il politico e gli elettori. Demolire certo. Ma andrebbe rasa al suolo, insieme agli scheletri degli edifici, pure la diceria e la similitudine. È quella che ci porta dire “c’è sempre un ladro più ladro di me”. Che facciamo? Legalizziamo il furto?». A Licata quanti consiglieri comunali sono abusivi o difendono abusivi? «Quasi il 30 per cento». La Sicilia ha lo Statuto speciale, una carta costituzionale che giustifica ogni arbitrio e abuso. «È un nostro problema».

Il governatore Crocetta le ha proposto un ruolo d’assessore? «Mi ha chiamato e mi ha detto che io non potevo farmi carico di questo peso. Gli ho risposto che c’era solo un modo per esprimere vera solidarietà. Cominciare a demolire gli edifici abusivi a partire dalla sua Gela».

Da presidente della Regione intimerà di farlo? «Lo spero». Il governatore ha difeso la terrazza del commissario Montalbano, che è quasi sul mare, come fosse l’icona della nostra civiltà, più dei templi di Agrigento, delle vestigia di Siracusa e dell’Annunciata di Antonello da Messina. «Montalbano non è più speciale dell’abusivo di Licata».

Sarebbe pronto ad abbattere anche la terrazza di Montalbano se una procura lo ordinasse? «Certo. Se fosse definita abusiva la abbatterei. Senza esitare». È conteso dalle televisioni e il conduttore Massimo Giletti la sta candidando a nuovo presidente di Regione. «Non mi piace». Perché partecipa dunque ai talk show, alle arene dove abusivo è il pensiero? «Perché in Sicilia, se mi chiudessi nel silenzio, direbbero, e qualcuno ha cominciato a farlo, che ho qualcosa da nascondere».

La candideranno consigliere regionale e siederà nel nuovo senato? «Alcuni politici locali hanno cominciato a temere questo». Fonderà pure lei un altro partito? Il partito siciliano della ruspa? «Rifiuto il senato, rimango a Licata. E non amo la ruspa ma credo nelle concessioni edilizie, nei moduli riempiti e presentati agli uffici tecnici, negli studi geologici. Credo nel partito degli amanti della concessione edilizia, nella lentezza del costruire. La concessione edilizia è bellissima».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *