Adele attacca Donald Trump per aver usato le sue canzoni senza alcun consenso

Furiosa la cantante Adele, la quale nella giornata di ieri ha fatto sapere di essere molto arrabbiata perchè le sue canzoni sarebbero state utilizzate da un personaggio molto illustre in America, per la sua campagna elettorale, senza aver ottenuto alcun permesso. Il personaggio illustre, è Donald Trump, il quale al momento sembra star dividendo davvero l’opinione pubblica in America e non solo visto che sta mandando su tutte le furie diversi cantanti, non contenti del fatto che le loro canzoni vengano utilizzate durante gli interventi politici della sua campagna elettorale, tra l’altro senza richiedere “un permesso”.

Tra questi cantanti, quella che ha alzato la voce nella giornata di ieri è stata proprio Adele, reduce da quello che può essere considerato il suo più grande successo ovvero Hello, che ha davvero battuto ogni tipo di record.In molte occasioni, il politico avrebbe utilizzato diverse canzoni dell’artista come ad esempio The Deep, o ancora Skyfall, proprio durante i suoi eventi politici.

A sollevare la questione sarebbe stato il portavoce della cantante, il quale rivolgendosi ai media statunitensi avrebbe riferito quanto segue: “Adele non ha dato il permesso di utilizzare la sua musica in nessuna campagna”. E’ stata la cantante ad incaricare il suo portavoce di specificare come nessuna autorizzazione sia stata data per l’utilizzo delle sue canzoni a scopi politici, e nello stesso tempo ha fatto pervenire allo staff di Trump una diffida formale dall’utilizzo del suo repertorio.

Ebbene si, la cantante sembra fare sul serio e di certo non teme il politico. D’altra parte il repubblicano in più di un’occasione aveva espresso la sua passione per l’artista Adele, tanto da presenziare ad un concerto tenuto dalla cantante a New York lo scorso anno; potrebbe semplicemente essere questo il motivo per il quale Donald Trump ha voluto utilizzare le canzoni dell’artista per aprire e chiudere i suoi eventi di natura politica.

Una volta diffusa la notizia sui social, tra i fan della cantante si è scatenato un dibattito; in tanti non sembrano aver preso molto bene la cosa, motivo per il quale sono volate tante critiche nei confronti del repubblicano candidato alla Casa Bianca. Tanti fan hanno invece protestano per il fatto che Adele in qualche modo appoggiasse il repubblicano, e proprio a tal riguardo, la cantante è dovuta intervenire dichiarando di non aver dato alcun consenso per l’utilizzo delle sue canzoni. In realtà non si tratta del primo caso in cui un artista cita Trump negandogli l’utilizzo delle sue canzoni. Come ricorda l’Independent, anche Michael Stipe, ovvero l’ex leader dei R.E.M.si è opposto a Trump per il suo utilizzo di It’s The end of the World as We Know It, la popolare canzone della band di Athens,Georgia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.