Allarme smog a Napoli, il Comune vieta la circolazione delle auto per i primi sei giorni di febbraio

E’ ancora allarme smog in molte città italiane tra le quali Napoli, che sulla scia di altre città come ad esempio Milano e Roma, ha optato per il blocco della circolazione. Per abbattere, dunque, il livello di smog i cui livelli sembrano essersi alzati di molto a causa dell’assenza di precipitazioni, il Comune di Napoli ha disposto un’ordinanza che estende il dispositivo attualmente in vigore che limita di fatto la circolazione.

Il blocco della circolazione per le auto e tutti i veicoli a motore sarà valido per diversi giorni e nello specifico dal 1 al 6 febbraio 2016, in determinate fasce orarie, ovvero dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e dalle 14.30 alle ore 19.30.Ecco nello specifico gli orari in cui il divieto sarà effettivamente valido: lunedì 1 dalle ore 16 e 30 alle ore 19 e 30; martedì 2 dalle ore 9 e 30 alle ore 12 e 30, poi dalle ore 14 e 30 alle ore 19 e 30;mercoledì 3 dalle ore 16 e 30 alle ore 19 e 30;giovedì 4 dalle ore 9 e 30 alle ore 12 e 30, poi dalle ore 14 e 30 alle ore 19 e 30;venerdì 5 dalle ore 16 e 30 alle ore 19 e 30;sabato 6 dalle ore 9 e 30 alle ore 12 e 30, poi dalle ore 14 e 30 alle ore 19 e 30.In realtà l’ordinanza estende quanto già veniva stabilito nella delibera del 5 maggio 2015 che prevedeva fino al 31 marzo lo stop alle auto soltanto nei giorni dispari a partire dalle ore 9.30 fino alle ore 12.30 e dalle ore 14.30 alle ore 19.30.

La decisione del comune di Napoli ha però delle eccezioni nel senso che potranno circolare le automobili ad esempio che trasportano diversamente abili, o ancora veicoli elettrici a emissioni zero, ciclomotori, motoveicoli a 4 o 2 tempi omologati, autovetture a gpl o a metano, automobili con almeno tre persone a bordo escluse euro 0 ed euro 1, veicoli delle forze dell’ordine e veicoli del trasporto pubblico. Da quanto, emerso, inoltre, non sono interdette al traffico la Tangenziale, i raccordi della A1 ovvero Napoli-Roma e della A3 ovvero Napoli-Salerno ed i tratti della strada regionale ex Ss 162 che cadono entro il Comune di Napoli. Purtroppo la situazione smog non sembra essere affare di poco conto, visto che i nuovi bollettini ARPAC parlando di un superamento del limite delle PM10 in almeno due centraline, situazione peggiorata dall’aspetto climatico favorevole al loro accumulo, ovvero la mancanza di piogge.

E’ questo il motivo per il quale si è deciso di limitare la circolazione per la prima settimana di febbraio per cercare di limitare i danni e diminuire le polveri sottili della città di Napoli. Nel caso in cui, nonostante vengano messe in atto queste soluzioni il problema non dovesse risolversi, il comune provvederà a nuove ordinanze antismog al solo fine di diminuire le polveri sottili nell’aria. “Il ritorno del maxi blocco della circolazione per auto e moto a Napoli dimostra che non si vuole affrontare il problema dello smog rimuovendo le cause, ma preferisce affidarsi a misure che hanno un unico risultato: creare disagi ai cittadini”, hanno dichiarato proprio nelle ultime ore il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e Vincenzo Peretti componente del direttivo regionale del Sole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.