Scuola: Alunni autistici rifiutati dai compagni in gita. Giannini a favore delle famiglie

Alunni autistici rifiutati dai compagni in gita, interviene il Ministro Giannini chiamerà tutti gli esclusi

Il Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini è intervenuta personalmente dopo gli episodi accaduti nel corso della scorsa settimana che hanno visto protagonisti alcuni studenti italiani autistici, esclusi dalle gite scolastiche. Gli ultimi casi dei tre alunni hanno toccato la sensibilità del Ministro dell’Istruzione che ha voluto così comunicare, nella giornata di ieri la sua decisione e lo ha fatto tramite Facebook. Il Ministro, sul proprio profilo social nella giornata di ieri ha scritto: “Come madre, ancor prima che come Ministro sono rimasta molto colpita questa settimana da quanto accaduto a Livorno, Isernia e Legnano dove tre dei nostri ragazzi, Giulio, Luigi e Francesca (la chiamerò così) sono rimasti esclusi dalla gita della loro classe perché affetti da autismo”

.Il Ministro ha anche aggiunto che il Miur, in seguito agli ultimi episodi, resi noti dalla stampa nazionale, è subito intervenuto contattando le scuole incriminate e soprattutto le famiglie dei poveri alunni per cercare di approfondire quanto accaduto e cercare così di portare le parti interessate al dialogo.

“Perché siamo tutti Giulio, Luigi, Francesca. E non potrebbe essere altrimenti. Perché la scuola raggiunge il proprio obiettivo educativo quando è luogo di rispetto ed inclusione, non certo di esclusione”, ha aggiunto il Ministro Giannini che ha aggiunto anche di voler contattare personalmente le famiglie coinvolte per mostrare loro la sua vicinanza e quella dell’Istituzione che rappresenta.

Con la Buona Scuola abbiamo posto l’accento con forza sul tema dell’inclusione. Parlando di autismo, ad esempio, proprio domani inaugureremo un nuovo sportello dedicato al tema a Livorno. Ne stiamo aprendo oltre 100 in tutta Italia a supporto delle scuole. Ma dobbiamo fare di più: nei prossimi giorni convocherò un incontro al Ministero con i rappresentanti degli uffici Scolastici di tutta Italia per condividere modelli e strategie di prevenzione di episodi come quelli di questi giorni. Perché non accada mai più, perché la scuola non lasci nessuno indietro” , ha concluso il Ministro Giannini.

Proprio in riferimento all’ultimo caso, ovvero quello di Legnano, che ha visto protagonista una giovanissima studentessa di 13 anni, rifiutata dai compagni della terza media che non la volevano in gita con loro, interviene il Ministro. La scolaresca sarebbe dovuta partire per la gita di terza media, parliamo al passato perchè visto che la ragazzina è stata rifiutata dai compagni e quindi costretta a non partire adesso non partirà più l’intera classe. L’istituto ha deciso di sospendere il viaggio per l’Austria , in attesa dei riscontri degli ispettori, che oggi saranno a Legnano per accertare fino in fondo le discriminazioni contro una tredicenne autistica. “Se non la vogliono, non è giusto che partecipi; è già stata umiliata, evitiamo ulteriori violenze”, aveva dichiarato la mamma della ragazzina che aveva scoperto tutto tramite WhatsApp.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.