Anticipazioni Il Segreto: Matias cerca il riscatto, ma c’è un’ombra sul suo passato

Si chiama Matias ed è un ragazzino destinato a cambiare le vite dei protagonisti de II segreto. La new entry della soap spagnola di Canale 5 arriva a Puente Viejo con i suoi familiari, che ufficialmente lavorano come venditori ambulanti di chincaglieria. Un’attività di facciata, dato che in realtà si tratta di ladri. A interpretare Matias è il giovane Ivan Montes, che Nuovo incontra sul set a Madrid. E il baby attore svela al nostro settimanale una serie di retroscena che riguardano il suo personaggio e i suoi impresentabili parenti.

A sorpresa, Matias verrà preso sotto l’ala protettrice di Alfonso e di sua moglie Emilia, proprietari della locanda del paese, e andrà a lavorare per loro. «Quando a Puente Viejo ci saranno i primi furti, i sospetti ricadranno proprio su di lui e sui suoi parenti, ma la coppia difenderà il giovane», spiega Ivan, che ha solo 19 anni ed è al suo primo ruolo importante in tivù. Tra lui e i coniugi Castaneda nascerà un rapporto di grande affetto, il ragazzo diventerà parte integrante del loro nucleo familiare e, alla fine, verrà adottato. Purtroppo il vero problema è il passato difficile di Matias, come spiega l’attore spagnolo.

Che succederà nelle prossime puntate de II segreto? «I furti continueranno e i malviventi tenteranno persino di introdursi nella villa di Donna Francisca. A questo punto, il sindaco avviserà la Guardia Civile. Là famiglia di Matias andrà via per non dare adito a sospetti, ma il giovane tornerà a Puente Viejo e verrà aiutato da Alfonso ed Emilia. Per il ragazzo non sarà facile vincere la diffidenza degli altri abitanti del paese dopo tutto quel che è successo. La sua infanzia è stata davvero difficile, ma lui ha tanta buona volontà e un cuore puro».

Tra l’altro il papà di Matias tornerà a cercarlo e il ragazzo scoprirà che l’uomo non è il suo vero padre. Pensi che il tuo personaggio conquisterà il pubblico italiano? «Ne sono certo. E un ragazzo insicuro, cerca l’affetto della gente e di una famiglia vera, ha bisogno di qualcuno che si prenda cura di lui. Alfonso ed Emilia gli insegneranno cosa vuol dire dare amore e riceverlo. Al pubblico piaceranno la sua gentilezza, la voglia di vivere e la spontaneità».

In cosa somigli a Matias? «In tante cose. E un ragazzo buono e, come lui, io sono sempre pronto a lottare per i miei sogni. A me, però, piacerebbe tanto interpretare un cattivo al cinema…».
Come sei stato accolto dai colleghi Sandra Cervera e Fernando Coronado? «Sono attori incredibili e persone notevoli. Mi hanno a- iutato fin dal primo momento in cui sono entrato nel cast. Sandra e Fernando, che interpretano Alfonso ed Emilia, sono molto simili alla mia mamma e al mio papà, mi sgridano per gli errori e si congratulano se lavoro bene. Mi tengono sempre d’occhio! E hanno ragione: io sul set mi scateno! Sono i miei secondi genitori. In generale sono il più piccolo ed è come stare in una grande famiglia, mi sento coccolato».

Come è nata la tua passione per la recitazione? «Sin da piccolo, amavo salire sul palco per attirare l’attenzione. Quando ho partecipato alla prima recita a scuola, vedevo che c’erano persone entusiaste, il che mi ha colpito. Il segreto è la mia prima occasione importante. In passato ho fatto tanti musical». Che fai nel tempo libero? «La vita normale di un ventenne. Esco con i miei amici, vado in giro la sera e adoro fare shopping e comprarmi un sacco di vestiti, perché amo la moda. Poi mi dedico alla mia famiglia, soprattutto a mio fratello, Ruben». In quali valori credi?
«L’amicizia, l’amore, quello vero che ti riempie e ti completa, e la famiglia. Do il massimo in tutto ciò che faccio, sono un perfezionista».

Un tuo difetto? «La goffaggine! Mi agito troppo ogni tanto. Una volta, sul set mi sono appoggiato a una parete del Jaral, la residenza di Tristàn e Aurora, e ho fatto precipitare tutto!».
Sei mai stato in Italia? «Sì, l’anno scorso sono andato a trovare i miei amici di Roma e Milano. Il vostro Paese mi piace molto, siete persone deliziose e non c’è dubbio che tornerò da voi. Sono curioso di vedere come la gente accoglierà il mio Matias».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.