Aosta, festa di fine Ramadan celebrata in una parrocchia: polemiche da parte della Lega Nord “Scelta sconcertante”

Aosta, festa di fine Ramadan celebrata in una parrocchia: polemiche da parte della Lega Nord

Ha fatto parecchio discutere la decisione di una chiesa di Aosta che ha permesso di organizzare la festa di fine Ramadan prevista per la giornata di domani. Stiamo parlando della chiesa Maria Immacolata di Aosta che come anticipato ha organizzato per la giornata di domani la festa di fine Ramadan.

“Non solo il nostro movimento politico, ma anche moltissimi cittadini, che ci hanno sommerso di segnalazioni, si chiedono come sia possibile ospitare in uno spazio, che dovrebbe essere dedicato a ben altri utilizzi, una festa che è, se non contraria, perlomeno confliggente con i valori che dovrebbero essere affermati in quel luogo”, ha scritto il consigliere comunale di Aosta, Andrea Manfrin palesemente contrario alla scelta della chiesa Maria Immacolata ad Aosta. Lo stesso consigliere ha poi tirato in causa il vescovo chiedendo spiegazioni, di come sia possibile che siano stati concessi quegli spazi, ovvero la Chiesa per la festa di fine Ramadan, vista l’abbondanza di luoghi pubblici da utilizzare per quello scopo.

Immediata la risposta del vescovo di Aosta, Franco Lovignana e del parroco della Chiesa in questione, ovvero Luigino Da Ros i quali hanno diffuso una nota nella quale sostanzialmente rifiutano ogni tipo di strumentalizzazione. “La festa di fine Ramadan è organizzata dall’associazione Baobab Africani di Aosta, che riunisce cittadini aostani di origine africana di diverse nazionalità e religioni, soprattutto cattolici e musulmani. Durante l’anno, l’associazione propone diverse iniziative tese a mantenere vive le tradizioni degli aderenti all’associazione e a favorire l’integrazione culturale e spesso sono ospitati dalla parrocchia dell’Immacolata, dove operano i missionari oblati che «proprio come missionari conoscono direttamente la cultura dei Paesi di origine dei membri dell’associazione e spesso hanno fatto personalmente esperienza dei rapporti pacifici tra cristiani e musulmani in alcuni di questi Paesi”, si legge nella nota diffusa dal Vescovo e dal parroco Da Ros.

Gli stessi hanno aggiunto che non si tratta dell’unico evento organizzato,visto che vengono organizzate anche feste per il Natale e per il Capodanno facendo partecipare anche i musulmani con il solo obiettivo di contribuire a far crescere il desiderio di reciproco rispetto e convivenza tra le diverse culture. A Natale è stata organizzata un’iniziativa simile per celebrare la nascita di nostro Signore, c’erano cattolici e c’erano musulmani come cene saranno questa volta, ha dichiarato Padre Delario.“Mi sembra pretestuoso fare questa polemica, anche perché non ci sono decine di proteste, ma una sola persona si è fatta viva per soffiare sul fuoco contestando questa iniziativa. Mi sembra che viviamo un momento in cui il il dialogo e la convivenza civile vadano incentivati e non ostacolati. Qui non ci sarà nessuna cerimonia religiosa, ma solo una bella festa dove decine di persone si incontrano in amicizia”, aggiunge Padre Delalio. Intervenuti anche Carola Carpinello e Andrea Padovani portavoce dell’Altra Valle d’Aosta i quali hanno espressola solo solidarietà alla comunità musulmana in festa la loro solidarietà.

Un tempo si parlava di libera Chiesa in libero Stato, ora un partito politico interviene sulle scelte di una parrocchia, quella di Maria Immacolata, ad Aosta, che organizza sabato la festa di fine Ramadan. In una nota, il Carroccio esprime «il più profondo sconcerto» per la festa dell’associazione Baobab si terrà in parrocchia. «Non solo il nostro movimento politico, ma anche moltissimi cittadini, che ci hanno sommerso di segnalazioni, si chiedono come sia possibile ospitare in uno spazio, che dovrebbe essere dedicato a ben altri utilizzi, una festa che è, se non contraria, perlomeno confliggente con i valori che dovrebbero essere affermati in quel luogo» scrive il consigliere comunale di Aosta Andrea Manfrin. Tirando poi per la tonaca gli oblati di Maria Immacolata e il vescovo: «Chiediamo alle autorità religiose competenti di spiegarci secondo quale criterio siano stati concessi quegli spazi, visto l’abbondanza di luoghi pubblici da utilizzare per quello scopo». Per la Lega la festa è «se non un insulto, perlomeno un’uscita inopportuna».

La risposta

Il vescovo di Aosta Franco Lovignana e il parroco dell’Immacolata Luigino Da Ros replicano in una nota per «respingere qualsiasi tentativo di strumentalizzazione». Lovignana e Da Ros spiegano che «la festa di fine Ramadan è organizzata dall’associazione Baobab Africani di Aosta», che «riunisce cittadini aostani di origine africana di diverse nazionalità e religioni, soprattutto cattolici e musulmani». Durante l’anno, l’associazione propone «diverse iniziative tese a mantenere vive le tradizioni degli aderenti all’associazione e a favorire l’integrazione culturale» e spesso sono ospitati dalla parrocchia dell’Immacolata, dove operano i missionari oblati che «proprio come missionari conoscono direttamente la cultura dei Paesi di origine dei membri dell’associazione e spesso hanno fatto personalmente esperienza dei rapporti pacifici tra cristiani e musulmani in alcuni di questi Paesi».

La parrocchia, «in pieno accordo con la diocesi» ospita non solo la festa di fine Ramadan, novità di quest’anno, ma anche feste per il Natale e il Capodanno «con la partecipazione anche degli aderenti musulmani». L’obiettivo è «contribuire a far crescere il desiderio di conoscenza reciproca fra le diverse culture che convivono nella nostra città e di permettere l’incontro mutuamente rispettoso tra credenti di diverse religioni». Lovignana «ringrazia la parrocchia dell’Immacolata e i padri oblati per l’attenzione che fin dagli inizi hanno avuto nei riguardi delle persone provenienti da altre realtà in vista della loro integrazione e augura all’associazione Baobab di poter serenamente perseguire gli scopi per cui è nata e opera».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.