Aspirina, assunta in piccole dosi previene i tumori gastrointestinali al colon e al retto

0

E se vi dicessimo che uno dei farmaci utilizzati per il trattamento del raffreddore e dello stato influenzale in generale potrebbe ridurre il rischio di cancro? Ebbene si, è questo quanto sostanzialmente riferito da un gruppo di ricercatori del Massachussets General Hospital di Boston, i quali hanno dichiarato che assumere piccole dosi di Aspirina ogni giorno può aiutare a ridurre il rischio complessivo di cancro del 3% soprattutto nel caso si tratti di tumori al colon e ed all’apparato digerente.

L’aspirina , dunque, agirebbe sulla prevenzione del tumore che non si sviluppa certo nel giro di poche ore ma nella maggior parte dei casi sono necessari periodo piuttosto lunghi, anche anni. “Il farmaco potrebbe prevenire il 17% dei tumori colon rettali fra coloro che non si sottopongono all’endoscopia, ma anche l’8,5% degli stessi tumori in chi invece vi si sottopone”, sostengono i ricercatori. In realtà non si tratta del primo studio che pone l’attenzione sullo stretto legame fra l’antidolorifico e la riduzione del rischio di cancro e malattie cardiovascolari, ma altre ricerche si erano già occupate di questa correlazione.

La ricerca in questione è stata effettuata sul campo prendendo in esame per ben 32 anni i dati di 136mila soggetti; dallo studio di tali dati gli scienziati hanno scoperto che chi ha preso regolarmente l’aspirina ha avuto un rischio del 3% più basso di sviluppare qualsiasi forma di cancro. Tuttavia, è importante sottolineare che non è stata evidenziata alcuna riduzione per il rischio di tumore al seno, alla prostata o al polmone.“Nei contesti con risorse limitate, l’aspirina può essere una potenziale alternativa a basso costo all’endoscopia, mentre può costituire un’integrazione a questo screening, laddove tali programmi sono già disponibili e utilizzati”, spiegano i ricercatori. Secondo i medici del Massachusetts General Hospital, è stato più evidente per le neoplasie allo stomaco ed all’intestino, dove il rischio è sceso rispettivamente del 15% e del 19%.

Tale ricerca è stata pubblicata su Jama Oncology. “Ormai c’è una prova consistente che le persone che hanno una storia familiare di cancro all’intestino allo stomaco dovrebbero considerare l’assunzione dell’aspirina come prevenzione“, hanno dichiarato i ricercatori. L’aspirina è un farmaco o meglio una pillola inventata tanti anni fa e secondo quanto emerso non soltanto da questo studio ma anche da altri nel passato, si dimostra sempre più un farmaco miracoloso. Il principio attivo dell’aspirina è l’acetilsalicilico; coloro i quali hanno problemi cardiocircolatori non possono fare a meno della cardioaspirina perchè combatte il rischio di infarto ed ictus ed ancora rende il sangue più fluido. Dunque, l’aspirina risulta essere davvero un farmaco dalle proprietà sempre più miracolose e l’aspetto più importante è che può servire come prevenzione primaria a basso costo per i tumori gastrointestinali e del colon.

Rispondi o Commenta