Morta Patricia Rizzo l’italiana scomparsa dopo l’atenntato di Bruxelles: i parenti danno la triste conferma

0

 

Dopo giorni di ricerche purtroppo nella giornata di ieri è arrivata la notizia che non volevamo assolutamente arrivasse. Purtroppo Patricia Rizzo è morta ed è una delle 32 vittime degli attentati di Bruxelles. La 48enne la cui famiglia è originaria della Sicilia e nello specifico di Calascibetta in provincia di Enna, dopo giorni di apprensione perchè dal 22 marzo risultava dispersa,purtroppo è stata ritrovata morta.”Non abbiamo ancora notizie di mia cugina Patricia Rizzo se avete informazioni diverse da quelle del call center e degli ospedali, tenetemi informato.

Ve ne sarei grato“, questo l’appello disperato del cugino di Patricia, Massimo che come la cugina abita a Bruxelles, lanciato nella giornata di martedì in seguito agli attentati. La notizia è stata diffusa proprio nella giornata di ieri da Massimo Leonora, ovvero il cugino di Patricia Rizzo, il quale su Facebook ha scritto un messaggio molto corto ma carico di dolore e significato.

“Purtroppo Patricia non è più con noi”, ha scritto Massimo Leonora su Facebook. Sono stati attimi di forte tensione quelli vissuti dalla famiglia di Patricia nella giornata di ieri visto che il corpo non era stato ancora identificato ed i genitori insieme al cugino Massimo Leonora che tra l’altro nei giorni scorsi avevano lanciato l’allarme dell’irreperibilità della parente si erano recati presso l’ospedale militare Neder-Over-Heembeek, sperando che si fosse un errore e che quel corpo non fosse proprio di Patricia.

Lo stesso Massimo Leonora,prima del riconoscimento del cadavere aveva scritto: “Cari amici, siamo effettivamente all’ospedale di Neder.Per ora la polizia federale ha preso le informazioni e la segnalazione su Patricia. Dobbiamo avere speranza.Grazie peri vostri messaggi di cordoglio. Vi terrà al corrente non appena ne sapremo di più.Pregate per lei”. Poi purtroppo il riconoscimento del cadavere e l’ufficialità arrivata proprio per bocca del cugino della vittima. Poi nel corso della serata un altro messaggio: «Carissimi amici grazie per il vostro sostegno e il vostro aiuto da paesi diversi. Sfortunatamente Patricia non è più tra noi. È dura ma almeno termina questa lunga corsa per ritrovarti. Pat mi manchi e ci manchi».

Patrizia, sposata con un bambino, lavorava a Bruxelles ed era una funzionaria dell’Unione europea e proprio martedì mattina si trovava nella metropolitana di Maelbeek attaccata dai terroristi. La notizia della sua morte è stata confermata dall’ambasciatore belga, il quale ha anche aggiunto che la salma si trova al momento in ospedale con i familiari. Purtroppo Patrizia è una delle 32 vittime degli attentati di Bruxelles e da quanto emerso sono circa 40 le nazionalità coinvolte tra morti e feriti. Tra le vittime anche Adelma Tapia Ruiz, una donna che si trovava all’aeroporto di Bruxelles martedì mattina insieme al marito ed alle due gemelline di quattro anni. La donna purtroppo è morta ma le figlie ed il marito sono rimasti vivi per miracolo.

Rispondi o Commenta