Austria,emergenza migranti al Brennero 250 poliziotti:” Anche l’esercito se serve, controlli anche in Italia”

Austria,emergenza migranti al Brennero 250 poliziotti Anche l'esercito se serve

Vienna si dice pronta a costruire un recinto alla frontiera qualora l’Italia non permetterà alla polizia di salire sui treni già su territorio italiano effettuare i controlli sul flusso dei migranti, è questo quanto sostanzialmente dichiarato dal capo della polizia tirolese Helmut Tomac, spiegando che al Brennero dai prossimi giorni saranno presenti ben 250 agenti che avranno il compito di controllare proprio il flusso dei migranti che non tende ad arrestarsi. 

“L’ipotesi di chiudere il Brennero è sfacciatamente contro le regole Ue, oltre che contro la storia, contro la logica e contro il futuro“, ha aggiunto il Premier Matteo Renzi, intervenuto dopo la notizia diffusa dal capo della polizia tirolese Helmut.Non sembra essere d’accordo sulla decisione presa dall’Austria, anche il Ministro dell’Interno Angelino Alfano che ha definito inaccettabile che accade al Brennero perchè non soltanto è contro le regole dell’Unione europea sulla libera circolazione ma è anche contro la logica ed il buonsenso. “L’allestimento di una rete sul confine italo-austriaco al Brennero dipende dall’Italia“, dice ancora Tomac, che aggiunge “In vista dell’imminente incontro dei ministri Sobotka e Alfano a Roma, sono stati rinviati i lavori di allestimento”.

Riguardo i controlli, si prevedono una rete di 370 metri: “Si tratta di una normale rete e non di un filo spinato. Sarà allestita solo se necessario in caso di massiccio arrivo di migranti”, ha spiegato ancora il capo della Polizia tirolese.Questa struttura secondo quanto emerso verrà allestita prossimamente ma la rete sarà attaccata soltanto in caso di bisogno. In seguito all’intervento del Ministro dell’Interno di Vienna Wolfang Sobotka è intervenuto anche il Ministro degli Esteri italiano, Paolo Gentiloni il quale ha dichiarato: “Confidiamo che Vienna non prenderà decisioni unilaterali nei prossimi mesi. E che l’Austria continuerà a collaborare strettamente con noi nella crisi dei profughi”. Anche la Presidente Boldrini nella giornata di ieri ha mosso delle critiche nei confronti della chiusura del Brennero sostenendo che questa non sembra essere la strada giusta.

Intanto le autorità austriache chiedono che possano essere effettuati dei controlli sui treni e sulla strada già sul territorio italiano. “Invece di erigere muri dovremmo costruire dei ponti, e comunque quello che sta avvenendo tra Austria e Italia deve essere spiegato e chiarito da Vienna. Capiamo che i paesi hanno difficoltà e subiscono pressioni ma ciò che ci preoccupa è che si mette in discussione Schengen sulla libera circolazione dei cittadini”, ha dichiarato anche Dimitris Avramopoulos,ovvero il commissario europeo per la migrazione che ha criticato ampiamente la decisione dell’Austria. Inoltre, non sembra essere previsto nel Brennero alcun centro di accoglienza per i migranti, ed i richiedenti asilo saranno portati immediatamente in centri ad Innsbruck e dintorni mentre quelli non aventi diritto saranno riconsegnati all’Italia che dovrà farsi carico della loro assistenza.

Loading...

One comment

  1. ANDREA LEONIDA

    Cosi fa un governo serio: agisce.
    non sta a sentire la UE o la germania, fanno quello che devono fare per il proprio paese.
    gli stupidi siamo noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.