Bambino di otto anni lotta tra la vita e la morte: aggredito dal suo rottweiler

Doveva essere un normalissimo momento di svago quello di ieri pomeriggio, martedì 29 marzo 2016, per un bambino di soli otto anni, ma invece è quasi finito in tragedia e il piccolo adesso lotta tra la vita e la morte. Il bambino nello specifico stava giocando, nel giardino della sua abitazione, con il cane di famiglia di razza quando, per motivi ancora da accertare, è stato azzannato alla testa.

Subito dopo la terribile aggressione i genitori del bambino, sconvolti da quanto accaduto, hanno immediatamente chiamato i soccorsi e il piccolo, tramite elisoccorso, è stato subito trasferito all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo dove i medici tentano in tutti i modi di ricucire il cuoio capelluto.

I carabinieri che si trovavano sul luogo in cui ha avuto luogo la tragedia hanno rinvenuto il lembo di pelle e dopo aver recuperato un contenitore per il trasporto degli organi si sono immediatamente recati in ospedale per consegnare ciò che avevano trovato.

Secondo quanto trapelato dalle prime indiscrezioni sembrerebbe proprio che il cane non avesse mai aggredito nessuno prima di ieri pomeriggio motivo per il quale bisognerà adesso capire cosa abbia causato l’eccessiva aggressività nell’animale che adesso, su disposizione del magistrato, è stato affidato ad un canile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.