Basilica di San Pietro, nelle Grotte Vaticane è già pronta la tomba per il prossimo papa defunto

Sono attualmente due i papi in vita residenti presso la sede del Vaticano ovvero Papa Benedetto XVI, il 265º papa della Chiesa cattolica e vescovo di Roma eletto il 19 aprile del 2005 fino al giorno in cui ha presentato le sue dimissioni ovvero il 28 febbraio del 2013 e Jorge Mario Bergoglio ovvero Papa Francesco. Quest’ultimo è il 266º Papa della Chiesa cattolica e vescovo di Roma eletto il 13 marzo del 2013, un Papa davvero eccezionale che giorno dopo giorno grazie alla sua bontà e generosità riesce a circondarsi di un numero sempre più vasto di fedeli.

E nonostante sia Papa Ratzinger che Papa Francesco godono attualmente di ottima salute, ecco che negli ultimi giorni nelle Grotte Vaticane una squadra di operai ha completato i lavori relativi alla preparazione della tomba per il prossimo Papa defunto, un nuovo sarcofago di marmo che sarà destinato al prossimo pontefice che purtroppo prima o poi non ci sarà più. Tra i fedeli si era subito insinuato il sospetto che, la necessità di creare una nuova tomba per il prossimo Papa che purtroppo si spegnerà poteva essere collegata a qualche problema di salute relativo ai due papi attualmente in vita.

Ma ecco che, a sciogliere qualsiasi tipo di dubbio sono arrivate le parole espresse da padre Federico Lombardi, direttore della sala stampa vaticana, il quale ha nello specifico affermato “Nessun mistero dietro l’installazione di questa tomba. È necessario prevedere che nelle Grotte vaticane vi siano posti per tombe negli anni futuri. Vi era solo una cappella libera e quindi era saggio prevedere anche altre possibilità”.

La tomba in questione rappresenta nello specifico un parallelepipedo interamente ricoperto di marmo, al di sopra della quale non è stato inciso nulla e che è stata collocata sotto la basilica di San Pietro, vicino al sarcofago che ospita le spoglie mortali di Giovanni Paolo. E proprio nelle Grotte Vaticane, ad oggi, sono oltre una ventina i papi che vi riposano, tra questi Pio XII, Paolo VI e Giovanni Paolo I, Bonifacio VIII, Sisto IV, Benedetto XV e altri ancora. Un po di tempo fa, Papa Francesco, scherzando nel corso di un’intervista radiofonica rilasciata appunto ad una radio argentina, alla domanda su dove e come gli piacerebbe morire ecco che ha scherzosamente risposto “Dove Dio chiede, seriamente, e quando Dio chiede. Quando ero più giovane la immaginavo più noiosa. Ora penso che sia un mistero di incontro. E così inimmaginabile, però deve essere molto bello, molto felice, incontrarsi con il Signore”.

Parlando della morte, Papa Francesco ha accostato a tale evento anche alcuni elementi che possono essere considerati complici, tra questi “odio, invidia, superbia, avarizia; insomma, il peccato del mondo che lavora per la morte e la rende ancora più dolorosa e ingiusta”. Papa Francesco ha inoltre dichiarato cheLa morte non ha l’ultima parola. Il buio della morte va affrontato con un più intenso lavoro di amore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.