Bergamo, malore per Roberto Calderoli: sviene sul palco durante il comizio, poi il messaggio su Facebook “Ho avuto un collasso”

Bergamo, lieve malore per Roberto Calderoli sviene sul palco durante il comizio, poi il messaggio su FacebookSono stati momenti di forte tensione quelli vissuti, proprio nel pomeriggio di ieri sabato 21 maggio 2016, nella piazza Matteotti sita nella città di Bergamo dove il celebre politico italiano, ovvero il senatore della Lega Roberto Calderoli era presente per una manifestazione contro il referendum sul ddl Boschi.

Calderoli stava parlando sul palco rivolgendosi a tutti i presenti e non solo quando, all’improvviso, ha interrotto il suo discorso e successivamente si è seduto visibilmente affannato in quanto colto da un malore. Immediati sono stati i soccorsi ed infatti il senatore della Lega poco dopo essere stato colto dal malore è stato accompagnato dietro il palco dove è stato visitato dal personale del 118 e successivamente trasportato in ospedale dove i medici lo hanno sottoposto a controlli nella speranza di capire cosa fosse accaduto. Ed ecco che proprio dopo i dovuti controlli lo stesso Roberto Calderoli ha voluto rassicurare tutti i suoi sostenitori scrivendo un lungo post su Facebook nel quale ha comunicato che il malore avuto nel corso del comizio nella piazza di Bergamo è stato solamente dovuto ad un brutto calo di pressione e dunque assolutamente nulla di grave e di preoccupante. 

Proprio pochi minuti prima di interrompere il comizio nella piazza Matteotti della città di Bologna, Roberto Calderoli stava appunto parlando di Renzi e della riforma costituzionale precisando che quest’ultima rappresenta in realtà proprio un vero pericolo per la democrazia precisando che proprio Matteo Renzi riguardo a tale riforma l’unica cosa che può dire è “scegliete il nuovo rispetto al vecchio“, Calderoli ha poi proseguito “ma io quando c’è una bella merda nuova, non la pesto comunque” precisando inoltre di preferire andare sulla vecchia strada e cambiare in bene la costituzione e in conclusione ha dichiarato “Il paradiso degli inciuci è il governo Renzi“.

Il senatore della Lega ha nello specifico scritto sul celebre social network Facebook “Ringrazio tutti per la vicinanza dimostratami in queste ultime ore, dopo il malore occorsomi al comizio di Bergamo questo pomeriggio. Ho avuto un collasso, forse per il troppo caldo… O forse per i troppi comizi! La cosa che mi spiace di più, e di cui mi scuso, è che questa sera non potrò essere a Pinerolo e a Carmagnola come avevo promesso. Che dire? Non ho fatto in tempo a dire che forse Renzi porta sfiga che ho iniziato subito a sentirmi male…”. Calderoli ha poi proseguito sostenendo che molto probabilmente le riforme oltre a non portare bene a lui non possono neppure portare bene all’Italia e ha poi concluso il lungo post in questione sottolineando “Comunque domani spero di essere nuovamente in pista e di tornare in Piemonte a fare quello in cui credo e a fare quello che è mio dovere fare. Grazie ancora a tutti”.

Malore per Roberto Calderoli durante il no tax day del centrodestra, in piazza Matteotti a Bergamo. Il senatore della Lega, presente all’evento con il segretario della Lega Lombarda Paolo Grimoldi e anche con l’ex ministro Renato Brunetta, aveva appena iniziato a parlare, ma improvvisamente si è fermato e si è accasciato.

“Ma che caldo fa?”, ha detto Calderoli rivolto al pubblico. Poi si è interrotto, cedendo leggermente sulle gambe. Gli altri presenti, riporta Il Corriere della Sera, l’hanno sostenuto accompagnandolo in un angolo del palco, dove ha trovato riparo sotto un po’ d’ombra. Nel frattempo sono stati chiamati i soccorsi. Il 118, intervenuto con un’autoambulanza, ha imbragato Calderoli per farlo scendere dal palco.

In un primo momento il senatore è stato assistito da un medico, esponente di Forza Italia a Treviglio, che ha valutato il battito cardiaco e ha quindi deciso di far chiamare subito il numero unico di emergenza.

Roberto Calderoli, dopo essere stato soccorso per il mancamento e portato dietro il palco, è stato visitato da personale del 118 e portato per un controllo in ospedale. Secondo i primi accertamenti potrebbe essersi tratto di un forte calo di pressione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.