Cade da sei metri e muore a soli sette anni: l’ultimo desiderio ‘Donare i suoi risparmi all’ospedale’

Cade da sei metri e muore a soli sette anni l'ultimo desiderio 'Donare i suoi risparmi all'ospedale'Sta commuovendo moltissime persone la tristissima storia che vede protagonista un bambino di soli sette anni morto dopo aver sofferto alcuni anni e che ha deciso di fare un grande regalo all’ospedale che per alcuni anni è stata la sua seconda casa. Stiamo nello specifico parlando del piccolo Giovanni Ignaccolo che quattro anni fa, quando aveva solamente tre anni, è rimasto vittima di un brutto incidente a causa del quale ha molto sofferto e che proprio adesso, a sette anni, lo ha portato alla morte.

Il piccolo infatti è caduto nel vano scala della sua abitazione di Ispica, comune italiano di 16.063 abitanti della provincia di Ragusa in Sicilia, facendo un volo di circa sei metri finendo immediatamente in ospedale in condizioni di salute piuttosto gravi che, sin da subito, hanno destato parecchia preoccupazione. In seguito alla terribile caduta il bambino ha riportato delle gravissime ferite alla testa con conseguente compressione della massa ematica e da allora ha avuto inizio un vero e proprio calvario di medici, terapie, ricoveri, un vero e proprio tentativo da parte dei medici di salvargli la vita che però non sono riusciti a portare a nulla in quanto, il piccolo a soli sette anni si è addormentato per sempre.

Ma prima di addormentarsi ha espresso un desiderio dimostrando non solo di essere un bambino forte e coraggioso ma soprattutto un bambino generoso. Il piccolo infatti proprio prima di morire, dopo un altro dei numerosi interventi cui è stato sottoposto, ha scritto ai suoi genitori chiedendo loro di fare un regalo al reparto dell’ospedale dove si trovava ricoverato e nello specifico ha chiesto che, con i suoi risparmi, i genitori comprassero un’attrezzatura particolare per curare altri bambini ricoverati. I genitori, nonostante il grande dolore per la perdita del loro bambino hanno voluto però avverare quello che è stato l’ultimo desiderio espresso dal figlio e così, con i suoi risparmi e grazie ad una raccolta fondi avviata dal sito Ragusanews hanno acquistato per la divisione di pediatria dell’ospedale Maggiore un bellissimo oscillometro ovvero un particolare strumento utilizzato per la misurazione dell’espansibilità delle pareti arteriose di un arto.

Valeria Civello, la mamma del piccolo Giovanni ha nello specifico dichiarato “Mio figlio pur così piccolo e nella sofferenza che ha patito ci ha dato emozioni uniche e irripetibili; oltre a una bella lezione di bontà e altruismo. In realtà il suo sogno era quello di comprare l’ospedale con i suoi risparmi. Devo dire che nella divisione di Pediatria lo hanno curato tutti, medici e infermieri, con un affetto non comune, che francamente non ho trovato in altre strutture super specializzate del Nord”. Oltre che esaudire il desiderio del piccolo Giovanni, per mamma e papà questo è un modo per continuare a tenere viva la memoria del figlio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.