Cagliari, bambina di 2 anni muore schiacciata da uno scaffale sommerso di cartoni della pizza: morta sul colpo, si indaga

0

cagliari-bambina-di-2-anni-muore-schiacciata-da-uno-scaffale-sommerso-di-cartoni-della-pizza-morta-sul-colpo-si-indagaUna vera tragedia è avvenuta nella giornata di ieri alla periferia di Cagliari, dove una bambina molto piccolo, di soli 2 anni è morta sul punto vendita Metro, schiacciata dal crollo di uno scaffale che reggeva centinaia di cartoni per pizze. La vittima si chiama Sofia Saddi, una bambina molto piccola che avrebbe compiuto due anni il prossimo mese di dicembre, rimasta schiacciata da uno scaffale che purtroppo ha ceduto nel punto vendita Metro, in Viale Elmas. Secondo i primi rilievi dei carabinieri, pare che all’origine della tragedia accaduta nel primo pomeriggio all’ipermercato Metro di Elmas, si sia il cedimento del sostegno di uno scaffale, ad almeno 4 metri di altezza, proprio dove era sistemato un pallet di cartoni per pizze da asporto. Secondo una prima ricostruzione, Alessio Saddi ovvero il titolare di un bar nella pineta di Sinnai (Cagliari) e la moglie Valentina e la piccola Sofia si trovano all’interno del centro all’ingrosso; giravano tra le varie corsie quando ne hanno raggiunta una che si trova non troppo distante delle casse.

Immediata la richiesta di soccorsi e l’arrivo di un’ambulanza del 118 e dei carabinieri, ma per la piccola non c’è stato nulla da fare. Purtroppo nessuno è riuscito ad intervenire per evitare che il pesante materiale travolgesse il passeggino dove si trovava la bambina; le ruote del passeggino, si sarebbero addirittura spezzate a causa del peso, uccidendo la piccola praticamente all’istante. Vicino alla piccola vi era la mamma incinta che una volta resosi conto di quanto avvenuto, ha accusato un malore ed è stata trasportata in ospedale.

Stando a quanto è emerso, purtroppo, la bambina sarebbe morta sul colpo tra le urla e la disperazione dei genitori; gli inquirenti hanno provveduto a chiudere il centro commerciale ed all’esterno del magazzino è stato affisso un cartello che avvisava i clienti che l’ingresso ai minori di 12 anni era consentito unicamente sotto la stretta sorveglianza del titolare della tessera e a sua esclusiva responsabilità, ed ancora era consentito l’accesso di bambini nei passeggini. Sul posto hanno operato i carabinieri del Radiomobile e del Nucleo investigativo provinciale di Cagliari per raccogliere tutti gli elementi che possano far luce sulla tragedia.

Rispondi o Commenta