Cagliari, coniugi anziani uccisi a bastonate nella loro abitazione: si cerca il figlio adottivo

Cagliari, coniugi anziani uccisi a bastonate nella loro abitazione si cerca il figlio adottivo

Una storia davvero raccapricciante quella avvenuta in Sardegna e nello specifico a Cagliari dove due coniugi pensionati sono stati uccisi molto probabilmente a bastonate e colpiti anche da armi da taglio.Le vittime, sono due coniugi pensionati, rispettivamente Giuseppe Diana 67 anni e Luciana Corgiolu, 62 anni ritrovato morti nella loro abitazione a Settimo San Pietro ovvero nella cintura dell’hinterland di Cagliari:i due coniugi pensionati sono stati ritrovati morti con evidenti segni di bastonate ed armi da taglio sul corpo,dal fratello della donna che non li vedeva ormai da diversi giorni e per questo recatosi nell’appartamento degli anziani signori.

Una volta trovati i due corpi senza vita, il fratello ha chiamato i soccorsi e le forze dell’ordine, così nel giro di pochissimi muniti presso l’abitazione dei coniugi Diana è arrivata una volante della Polizia con gli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Cagliari coordinati dal dirigente Alfredo Fabbrocini, ed ancora gli agenti del Commissariato di Quartu, i Carabunieri di Quartu che hanno cominciato a fare gli accertamenti e le indagini del caso. Al momento non ci sono certezze sul modo in cui la coppia è stata uccisa.

La scena del crimine, secondo quanto si è appreso, risulterebbe molto confusa, segno questo che potrebbe indicare una sorta di colluttazione.Gli investigatori hanno subito puntato l’attenzione su Igor, ovvero il figlio adottivo della coppia originario della Bielorussia, di cui si sono perse completamente le tracce. Un vicino di casa, ovvero Mauro Manca, interpellato dai carabinieri e dagli investigatori ha riferitodi aver visto uscire da casa Igor con il pick-up del padre intorno alle ore 7.30 del mattino di lunedì ed ancora ha riferito che qualcuno lo avrebbe visto ancora nella mattinata ad un bar. “Vivevano in questa casa da una ventina d’anni – prosegue Manca – persone per bene, buonissime”.Secondo quanto riferito dai paesani,i coniugi che tra l’altro erano molto conosciuti, erano davvero due persone molto buone e disponibili, e per questo motivo nessuno riesce ad accettare la terribile fine che poverini i due pensionati hanno fatto.

Il marito, ovvero il signor Giuseppe era un volontario della Protezione civile con l’associazione Ma.si.se, e da parecchi anni si occupa anche della ristorazione e di logistica; la vista del signor Giuseppe e della moglie, cambiò radicalmente tre anni fa quando proprio Igor, fu coinvolto in un incidente stradale mortale. Igor da quel momento divenne una persona molto nervosa, condizione confermata anche dai vicini di casa. “Aveva un carattere difficile – spiega un altro vicino di casa – c’erano spesso discussioni”. Le forze dell’ordine sono ancora sulle tracce di Igor che però al momento risulta introvabile al contrario del figlio minore della coppia, ovvero il 24enne Alessio il quale è stato rintracciato subito dopo il ritrovamento dei cadaveri dei due genitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.