Calabria, giovane 15enne attraversa i binari distratta dal cellulare: travolta ed uccisa dal treno

 Calabria, giovane 15enne attraversa i binari distratta dal cellulare travolta ed uccisa dal treno

Una vera tragedia quella avvenuta nella regione Calabria e precisamente nella provincia di Cosenza dove nella giornata di sabato 16 luglio una giovanissima ragazza è stata travolta ed investita da un treno alla stazione di Fuscaldo località marina italiana fascia tirrenica cosentina.

Da domani pare che abbia attraversato i binari nella stazione e proprio in un punto dov’è il passaggio pedonale non era consentito,  errore commesso molto probabilmente perché distratta dal suo cellulare,  o almeno questa è la prima ricostruzione degli inquirenti di Paola hanno fatto dell’incidente avvenuto nella giornata di sabato.  A perdere la vita è stata Maria Francesca Inverso una giovanissima ragazza di 15 anni, la quale è stata travolta ed uccisa da un Intercity Reggio Calabria Milano.  L’incidente è avvenuto intorno alle ore 20:40 proprio quando la giovane si stava dirigendo verso il binario 3 della Stazione per poter prendere il treno regionale che insieme ad altre due amiche l’avrebbe portata a casa ovvero a San Lucido.

Non si sa ancora se le ragazze fossero in ritardo o semplicemente abbiamo deciso di  di non utilizzare il sottopassaggio attraversando rapidamente binari,  ma mentre le due amiche sono riuscite a raggiungere la banchina senza alcun problema Maria Francesca non ha mai raggiunto la tua destinazione perché distratta a quanto pare dal suo cellulare ha attraversato proprio nel momento in cui stava per arrivare l’Intercity rimanendo così bloccata è troppo vicina ai binari tanto da essere investita dal treno.  L’Intercity l‘avrebbe trascinata per una gamba,  e come è facile immaginare a nulla sono valsi i tentativi di soccorso perché quando il treno si è fermato la giovane era già morta sul colpo.  Una vera tragedia quella avvenuta nella giornata di sabato,  ed a raccontarla sono proprio le due amiche della vittima ancora sotto shock per quanto accaduto;   le due giovani sono state ascoltate,  seppur ancora sotto shock,  dal sostituto procuratore della Repubblica di Paola,  Maria Camodeca,  testimonianze molto utili perché anno fatto luce su alcuni aspetti della tragedia che hanno allontanato ogni qualsiasi dubbio più possibile responsabilità del personale della Stazione del macchinista del treno.

Le tre ragazze non avrebbero mai dovuto attraversare i binari in quel modo e soprattutto la vittima non avrebbe dovuto attardarsi ad attraversarli perdendo del tempo con il cellulare.  L’incidente ha inevitabilmente causato disagi nella circolazione tanto da richiedere l’intervento della Protezione civile regionale che ha prestato conforto alle centinaia di passeggeri rimasti fermi sul treno distribuendo oltre 400 bottiglie d’acqua;  la circolazione ferroviaria poi ripresa durante la notte. La comunità di San Lucido e ancora sotto shock e tanti tantissimi sono stati i messaggi pubblicati sul profilo Facebook di Maria Francesca Inverso da parte di amici,  parenti e conoscenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.