Capelli bianchi addio? Scoperto il gene che li causa e che si potrà disattivare

0

Quanto impiegano le donne, ma oggi spesso anche gli uomini a coprire i capelli bianchi? Una grande novità è in arrivo a tal riguardo, e che fa presupporre che il calvario presto potrebbe essere un brutto ricordo. Stando ad un recente studio effettuato da un gruppo di ricercatori coordinati dall‘University College di Londra sembra che l’origine dei capelli bianchi sia da ricercare nel nostro Dna e presto potrebbe arrivare una pillola che possa impedire questo processo.

L’indagine nello specifico è stata condotta su Nature Communications ed è firmata dal Dott. Kaustbuh Adhikari dell’Ucl, il quale ha preso in esame circa 6630 individui i quali sarebbero stati selezionati in America Latina e questi sono risultati essere tutti l’uni differenti dagli altri a livello genetico nel senso che alcuni avevano antenati europei, altri africani o nativi americani.

La ricerca si è così potuta basare su un vasto patrimonio genetico e dopo mesi di ricerca si è arrivati ad una conclusione, ovvero che i capelli bianchi sono causati da un gene, che tra l’altro è lo stesso che rende la barba degli uomini piuttosto folta, o ancora quello che governa l’intensità delle sopracciglia e persino quello che determina il diametro dei capelli. “I geni collegati alla calvizie e al colore dei capelli li conosciamo già, ma questa è la prima volta che viene identificato il gene dei capelli grigi nell’uomo, insieme ad altri geni che controllano forma e densità dei capelli“, ha dichiarato uno degli autori dello studio. Il gene in questione è stato denominato Irf4 ed è come abbiamo già anticipato il responsabile dell’invecchiamento precoce dei capelli che purtroppo al tempo d’oggi colpisce anche i più giovani. «Comprendere i meccanismi dell’Irf4 può essere rilevante per sviluppare soluzioni che ritardino l’ingrigimento dei capelli e per approfondire aspetti della biologia dell’invecchiamento umano», ha dichiarato il professore Andrès Ruiz-Linares, esperto di bioscienze della Ucl. 

I geni responsabili delle calvizie o del colore dei capelli, in realtà erano stati già individuati ma nessun esperimento aveva condotto all’identificazione della chioma canuta. Lo studio in questione, possiamo dre che si è basato per lo più sull’analisi del gene dei capelli ricci, quello dello spessore della barba e della forma dei capelli, quello dello spessore e della densità delle sopracciglia e persino quello del monosopracciglio. Secondo alcuni studiosi, la comparsa dei capelli bianchi è da addebitare allo stress che giocherebbe dunque un ruolo determinante.A tal riguardo Vittorio Sabadin ha fatto una diffuso una sua riflessione dichiarando :“Il 70% è ancora dovuto a fattori ambientali e allo stress, come dimostra la capigliatura di ogni presidente americano: Obama aveva i capelli scuri quando è entrato alla Casa Bianca e ora, dopo 8 anni, li ha quasi completamente bianchi. Lo stesso era accaduto a George W. Bush e, in Grand Bretagna, a Tony Blair”.

Rispondi o Commenta