Carlo Calenda è il prossimo Ministro allo sviluppo economico, la scelta del Premier Matteo Renzi

Carlo Calenda è il prossimo ministro allo sviluppo economico, l'annuncio del Premier RenziSarà Carlo Calenda il nuovo ministro allo sviluppo economico. Lo ha annunciato il Premier Matteo Renzi in diretta a Che Tempo che fa, la trasmissione in onda su Rai Tre e condotta da Fabio Fazio. L’annuncio del Premier Matteo Renzi ha colto di sorpresa tutti visto che i pronostici davano come favoriti il manager Chicco Testa ed il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti.

Carlo Calenda, l’attuale rappresentante dell’Italia presso l’Unione europea sarà dunque il nuovo Ministro allo Sviluppo economico.Ma chi è Fabio Calenda? Il futuro Ministro nasce a Roma nel 1973 dall’economista Fabio Calenda e dalla regista Cristina Comewncini; Carlo ha lavorato fin dal 1988 per la Ferrri di Montezemolo, ricoprendo gli incarichi di responsabile relazioni con le istituzioni finanziarie e responsabili Customer Relationship Management, e poi aver lavorato anche come responsabile marketin di prodotto e programmazione per Sky Italia, Calenda ha lavorato dal 2004 al 2008 seguendo Montezemolo diventando il primo assistente nonché Presidente di Confindustria assumendo prima la delega di affari internazionali e poi ricoprendo il ruolo di direttore dell’area strategica affari internazionali di viale dell’Astronomia.

Laureato in Giurisprudenza, quattro figli classe 1973 il prossimo Ministro sembra essere davvero molto apprezzato dall’ambiente politico. La nomina Calenda come successore di Federica Guidi al ministero per lo Sviluppo economico rende nuovamente vacante il posto di rappresentante permanente presso le istituzioni europee, che Calenda aveva occupato sostituendo l’ambasciatore Stefano Sannino, spostato a Madrid.Quello di Calenda, ha sottolineato Renzi, «è un ritorno, è stato vice ministro» allo Sviluppo economico fino all’inizio dell’anno, «lo avevamo mandato a Bruxelles, non immaginavamo lo scandalo che ha portato alle dimissioni della Guidi».Il Premier Renzi inoltre ha anche sottolineato come sia importante che qualche ministro qualche politico si dimetta.«Purtroppo c’è stato uno scandalo, una pagina brutta, mi dispiace molto personalmente per quello che è successo a Federica Guidi, ma lei almeno ha avuto il coraggio ed il buonsenso di rassegnare le dimissioni», ha aggiunto il Premier Renzi.

Dunque, Carlo Calenda giurerà in settimana in Quirinale come ministro dello Sviluppo economico al posto della Guidi, come ha dichiarato il Premier. Renzi inoltre nel corso del suo intervento ha confermato poi che il prossimo sabato questo paese avrà una legge sui diritti civili. Nella giornata di oggi inizia l’iter alla Camera e “noi mettiamo la fiducia martedì o mercoledì e il 12 la legge sarà votato”, ha annunciato Renzi. Nell’intervista Renzi ha ribadito anche che se perderà il referendum costituzionale non solo il governo cadrà ma lui smetterà con la politica, assicurando che comunque vincerà il sì. Il presidente in ultimo ha anche affrontato il tema relativo al Brennero ed alla volontà dell’Austria di alzare un muro anti migranti. “Si tratta di un tentativo di propaganda strumentale e squallido solo da campagna elettorale, tant’è che cambiano posizione» di volta in volta «in maniera strumentale», ha aggiunto il Premier.

A quaranta giorni dalle dimissioni di Federica Guidi, il ministero dello Sviluppo economico ha finalmente un nuovo titolare. Il nome buono, scelto da Matteo Renzi al termine di una girandola di candidature (che ha coinvolto tra gli altri Errani, Bellanova, De Micheli e Testa) durata ben sei settimane, è Carlo Calenda. Lo ha annunciato ieri sera il premier in Tv a “Che tempo che fa”. «Ho detto in tutte le sedi che del nome del ministro ne dovevo parlare col presidente della Repubblica prima che in tv» ha spiegato il numero uno di Palazzo Chigi. Passaggio che Renzi ha confermato di aver già fatto precisando che il la nomina di Mattarella avverrà entro questa settimana. «È uno che già governava la macchina, lo faccio rientrare da Bruxelles» ha aggiunto il premier. Un chiaro riferimento al fatto che Calenda vanta già una doppia esperienza al Mise come viceministro con il governo Letta e successivamente con l’attuale esecutivo. Un ruolo, quest’ultimo, lasciata il 21 marzo scorso quando il neo-ministro ha assunto la carica (sostituendo l’ambasciatore Stefano Sannino, dirottato a Madrid) di Rappresentante permanente dell’Italia presso l’Unione europea.

Il governo aveva difeso la decisione di scegliere un non diplomatico come parte delle proprie prerogative, per quanto eccezionale e riservata a situazioni molto particolari. Calenda, nipote di Luigi Comencini (è figlio di Cristina), 43 anni compiuti un mese fa, ha una lunga esperienza come dirigente d’azienda. Dopo aver lavorato in Ferrari ha guidato l’ufficio marketing di Sky ed stato, tra il 2004 e il 2008, direttore dell’area strategica e affari

internazionali di Confindustria durante la presidenza Montezemolo. Come Vice ministro ha condotto numerose delegazioni di imprenditori italiani all’estero e promosso gli investimenti stranieri in Italia, mostrandosi particolarmente favorevole all’acquisto dall’estero di aziende italiane. «Lo avevamo mandato a Bruxelles, non immaginavamo lo scandalo che ha portato alle dimissioni della Guidi» ha puntualizzato Renzi. E a tal proposito, Renzi ha sottolineato come sia «importante che qualche ministro, qualche politico si dimetta». «Purtroppo – ha continuato – c’è stato uno scandalo, una pagina brutta, mi dispiace molto personalmente per quello che è successo a Federica Guidi, ma lei almeno ha avuto il coraggio ed il buonsenso di rassegnare le dimissioni». Quindi, parlando della scelta di Calenda, Renzi ha spiegato quale deve essere il profilo del titolare dello Sviluppo economico. «A noi serve uno che sia in grado di maneggiare un ministero importante come quello – ha detto – e che abbia l’intelligenza per ragionare del futuro, che vuol dire innovazione, manifattura 4.0, investimenti nelle aree di crisi».

In effetti sono molti i dossier che Calenda dovrà affrontare. C’è innanzitutto il provvedimento al quale era stato dato il nome di “Finanza per lo Sviluppo” di cui il ministro dell’Economia Padoan ha annunciato il varo in tempi brevi. Al testo, che dovrebbe prendere la forma di un decreto legge per la competitività, lavoravano entrambi i dicasteri e una parte significativa delle norme ricade nelle competenze del Mise. Accanto alla detassazione degli investimenti nelle piccole e medie imprese da parte dei privati (attraverso appositi titoli) lo schema prevedeva infatti una delicata riorganizzazione degli incentivi alle imprese, con l’obiettivo di incrementarne l’efficacia ma anche di semplificare e razionalizzare gli adempimenti. Giace invece in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, testo che raccoglie tra l’altro le segnalazioni dell’Autorità Antitrust. L’iter è iniziato da oltre un anno, e l’obiettivo del governo sarebbe portarlo a termine per il mese di giugno. Ma data la materia questo provvedimento è particolarmente delicato per le pressioni delle categorie interessate e il ruolo del ministro è decisivo per una equilibrata composizione degli interessi in campo. Tra i nodi più intricati che dovranno essere sciolti ci sono quelli che riguardano le farmacie e i notai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.